Co i piè descalsi, edizione record: il bilancio degli organizzatori

In un toccante messaggio ad artisti, collaboratori e spettatori il Gruppo 86 di Vascon tira le somme dello straordinario successo riscosso dalla 22esima edizione del festival di Vascon

Anche quest’edizione de “Co i piè descalsi” è terminata, passando velocemente come una meteora, ma lasciando una scia di sensazioni ed emozioni che alloggeranno a lungo nella mente e soprattutto nei cuori di molte persone.

descalsi 2019 2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commentano gli organizzatori: «In tutti noi vive il ricordo indelebile di aver contribuito, un giorno dopo l’altro, ad un evento che ha significato, per tutti coloro che ci hanno frequentato, cultura, arte, musica e gastronomia di alta qualità. Il festival vive proprio di questo: la consapevolezza di una proposta artistica di altissimo livello che attira migliaia di persone e rende orgogliosi i cittadini di Vascon per aver creato un evento vivo e significativo per la popolazione e per tutti coloro che sono venuti a trovarci. E così un grazie sincero va al grande pubblico che vive l’esperienza “Co i piè descalsi” con gioia, stupore ed affetto e a tutti gli artisti che con la loro professionalità ci hanno regalato emozioni e sorrisi che difficilmente cancelleremo nella nostra quotidianità ricca di impegni. Ma quest’anno un grande grazie vorremmo rivolgerlo a tutti coloro che contribuiscono a far funzionare perfettamente o quasi, questa meravigliosa macchina da guerra che è “Co i piè descalsi”. Ed allora grazie al Consiglio del Gruppo 86 che coordina per mesi tutta l’organizzazione dell’evento, ma grazie anche a tutti quelli, che in un modo o nell’altro, aiutano nei vari settori, dalla cura dei piatti in cucina e nelle frasche, a chi segue le strade e i parcheggi, alla gestione degli artisti, alla comunicazione, alla pulizia dei luoghi e all’accoglienza del pubblico, sempre con un sorriso sulle labbra anche se con alle spalle una grande stanchezza nell’organizzare il tutto. La bellezza che lega organizzatori, artisti e pubblico è indescrivibile come sono indescrivibili le emozioni che proviamo noi organizzatori nel riuscire anno dopo anno a dare vita ad un Grande festival in un piccolo paese, sempre più consapevoli che il linguaggio che ci unisce è il sorriso». Chapeau e alla prossima edizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento