Treviso, chieste alla Regione dieci nuove cabine per gli autovelox

Il Comandante della Polizia locale, Andrea Gallo, ha spiegato ai nostri microfoni le richieste approvate nelle scorse ore dalla Giunta comunale. Domanda per avere anche 2 nuove moto

In foto il Comandante Andrea Gallo (Immagine d'archvio)

«I trevigiani non devono allarmarsi: nei prossimi giorni non ci sarà nessun nuovo autovelox nelle strade della città. Come Polizia locale abbiamo semplicemente richiesto alla Regione dei fondi per poter acquistare una serie di dispositivi tra cui ci sono anche dieci nuove cabine per autovelox, ma nessun nuovo rilevatore di velocità».

A dirlo è Andrea Gallo, Comandante della Polizia locale di Treviso che, raggiunto dai nostri microfoni, ha voluto fare alcune importanti dichiarazioni sulla relazione (scaricabile dal sito del Comune) approvata nelle scorse ore grazie a una delibera della giunta comunale trevigiana. «Alla Regione - spiega Gallo - abbiamo anche chiesto i fondi per l'acquisto di due nuove moto più nuove e performanti rispetto a quelle che abbiamo ora in dotazione e la possibilità di implementare il sistema di comunicazione via radio con i Comandi dei Comuni limitrofi a Treviso in modo da coordinarci in maniera ancor più rapida ed efficace nel caso di eventuali operazioni congiunte». Sulla questione autovelox, Gallo precisa: «Ci vorranno almeno un paio di mesi perché la Regione approvi (o respinga) la nostra richiesta. In caso di via libera valuteremo dove posizionare le nuove colonnine. L'intenzione di aumentare il numero di postazioni in città c'è, questo va detto. Non abbiamo ancora stabilito però nessuna strada precisa per il posizionamento delle eventuali colonnine. Stiamo provvedendo a eseguire vari studi per individuare le vie con gli sforamenti di velocità più frequenti. Le eventuali colonnine non saranno mai tutte attive allo stesso momento. Vedremo nelle prossime settimane come si evolverà il progetto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento