Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Non metteremo mai più piede in ufficio

Una riflessione su come il modo e il mondo del lavoro debba cambiare

“Non tornerai più in ufficio”, di norma una comunicazione del genere, non è presagio di positività, contestualizzato al momento storico che si sta vivendo, è invece divenuto norma. Proprio questa settimana, in cui sembra si stia uscendo da una codizione stringente e le aziende sembrano riaprire, la società tecnologica Twitter, ha annunciato e comunicato ai suoi dipendenti che gli accordi di lavoro a domicilio stipulati per la pandemia, rimarranno per sempre e che nessuno deve mai tornare di nuovo a meno che non lo desiderino particolarmente.

L'idea che la vita in ufficio sia finita, è quasi certamente esagerata. Non tutti amano scrivere sul divano ogni santo giorno, ci si aliena e si è nel panico di essere fuori dal giro aziendale. Ma per coloro che hanno la fortuna di avere la scelta di lavorare da casa, l'esperienza collettiva di pre-morte che abbiamo vissuto come nazione, potrebbe spingere a rivalutare ciò che conta davvero.

I papà pendolari che una volta raramente vedevano i loro figli svegli e nella quotidianità, si sono abituati all'intimità informale di stare con loro tutto il giorno.  Per i meno sentimentali ma sicuramente realisti, si pensa ai risparmi bruciati; poi vi sono gli ambientalisti che inneggiano al ripristino del benessere della Terra, grazie all’azzeramento delle emissioni nocive delle auto e delle industrie.

L'orario di lavoro moderno, è in parte eredità della Grande depressione degli anni '30, quando il crollo della domanda di lavoro, ha incoraggiato le aziende a condividere il lavoro che c'era: quella che era stata una settimana di sei giorni per molti fu ridotta a cinque. Ora potrebbe ripresentarsi lo stesso schema. Certo, ma bisognerebbe quantificare e ristabilire gli stipendi: ore ridotte e stipendi ridotti? No, non sarebbe la strada accettata, né giusta.

L'esperienza COVID-19, ha cambiato il modo in cui si è lavorato e senza dubbio avrà conseguenze a lungo termine per il modo, gestione e pianificazione del futuro lavorativo. Molti sono i vantaggi per i dipendenti tratti dallo smart working, ma indubbiamente alla lunga, rappresenta una sfida ardua per l’immediato futuro, sia per i dipendenti che per i dirigenti.

Lavorare in questo modo è una rottura distinta dalla norma per molti, quindi è importante stabilire nuove euristiche e modi di lavorare. È probabile che i team virtuali, avranno bisogno di molto più nutrimento rispetto ai team faccia a faccia, in gran parte perché le norme che emergono durante gli incontri faccia a faccia, richiedono molto più tempo per essere stabilite online.

È importante che i team sappiano cosa ci si aspetta da loro, come verranno prese le decisioni, come funzionerà la comunicazione, come verranno monitorati i progressi e così via. È anche fondamentale chiarire i ruoli e stabilire le linee di responsabilità.

Questo chiarimento dovrebbe estendersi a vari aspetti della vita lavorativa che sono spesso dati per scontati, quando si lavora in un ufficio fisico. La comunicazione dovrebbe essere chiara, le aspettative esplicite e feedback e tutoraggio, forniti frequentemente. È importante che i dipendenti da remoto, facciano parte della squadra tanto quanto quelli dell'ufficio.

È interessante che una pandemia, sia stata in grado di forzare la mano di molti manager ce spesso, si sono mostrati avulsi e reticenti a tali approcci lavorativi, oggi obbligatori. Turn over tra ufficio e remoto, probabile. Ma questa transizione durerà? In effetti, che aspetto avrà il luogo di lavoro quando usciremo dalle procedure di blocco in atto in tutto il mondo?

È tutt'altro che chiaro quale sarà il “normale” dopo il COVID-19, ma sembra probabile che il nostro desiderio di entrare in ufficio, sarà testato dopo un lungo periodo di limbo verso il lavoro a distanza, sia da parte dei lavoratori che dei dirigenti.

È altrettanto probabile, che le persone non vogliano lavorare in remoto tutto il tempo, ma piuttosto abbiano la possibilità di scegliere, quindi la capacità di gestire con successo i team remoti, sarà un'abilità chiave nell'arsenale di qualsiasi manager moderno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non metteremo mai più piede in ufficio

TrevisoToday è in caricamento