Festa a Ponte di Piave: la signora Albina raggiunge il traguardo dei 100 anni

Il sindaco Roma: «Le vite di queste persone sono preziosissime fonti di insegnamento che travalicano arricchendole le culture accademiche dei libri e dei grandi pensatori»

Albina durante la sua sua festa di compleanno

La giornata di venerdì ha rappresentato per la signora Girardi Albina una data che segna il traguardo invidiabile dei cento anni. Invidiabile perché la signora Albina raggiunge questa meta con una presenza ed uno spirito ammirevole, nonostante gli inevitabili limiti di un’età avanzata, sorretta con la dignità e la forza di una personalità aperta, dolce e disponibile dai solidi valori sociali e religiosi. Originaria da San Biagio di Callalta, la signora Albina è ospite da molti anni della Casa di Riposo Residenza Gianni Martin, ne ha vissuto e condiviso le trasformazioni strutturali e l’avvicendarsi degli operatori  ai quali ha sempre regalato un sorriso gioviale ed aperto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fedele alle tradizioni e ai valori fondanti della famiglia, ha cresciuto quattro figli  e seguito molti nipoti con amorevole dedizione, affrontando i lutti e le difficoltà della vita con la forza di un carattere mite e dignitosamente riservato. Il sindaco di Ponte di Piave dott.ssa Paola Roma, presente alla piccola festa organizzata dalle operatrici e dai parenti, nel farsi portavoce dell’Amministrazione Comunale e di tutta la cittadinanza le porge  i più sentiti e calorosi auguri. «La signora Girardi -  sostiene il sindaco - rappresenta e testimonia una generazione  passata che con le loro opere ed il loro esempio  hanno promosso i valori fondanti delle nostre genti venete, perpetuandone  i costumi e le tradizioni a vantaggio delle nuove generazioni. Le vite di queste persone sono preziosissime fonti di insegnamento che travalicano arricchendole le culture accademiche dei libri e dei grandi pensatori, regalando indistintamente a tutti vere perle di saggezza. Di questo e molto altro - aggiunge ancora il sindaco - dobbiamo ringraziare oggi una donna, madre e nonna, che ci insegna che l’arma più potente e consolante a dispetto delle difficoltà della vita di ciascuno, è racchiusa in un sorriso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento