menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il compleanno dell'anno scorso (Foto d'archivio)

Il compleanno dell'anno scorso (Foto d'archivio)

Grande festa a Casa Marani: la signora Angela spegne 101 candeline

Nata nel 1918 da una famiglia contadina, la simpatica anziana si prepara a festeggiare una ricorrenza davvero speciale. Queste le sue parole: «Nò avarìa proprio caro de morir»

Sabato 27 luglio la signora Angela Favaro, ospite a Casa Marani a Santandrà, festeggerà il suo 101° compleanno.  E ogni anno che passa è un motivo in più per festeggiarla.

Angela è nata a Musestre di Roncade il 27 luglio 1918 in una famiglia di contadini. A 17 anni incontrò Giuseppe, ragazzo del suo paese, che dopo due anni sposò. Dalla loro unione nacquero 3 figli: Assunta, Giuseppina e Alberto. Angela amava tanto ballare e anche dopo una settimana di lavoro nei campi correva in riva al Sile a Musestre e, con l'accompagnamento della fisarmonica e del clarino, tutti ballavano. Lo scorso anno, nel suo 100° compleanno la signora disse: «Nò avarìa proprio caro de morir, me piàsaria star quà ancora… e chi nò me vòl vedàr, se tire in parte!» Oggi, nonna Angela comincia a sentire il tempo che passa e si stanca facilmente. Considerato lo stato di salute, e in accordo con la famiglia, le verrà dedicato un momento di saluto e auguri in forma semplice sabato 27 luglio 2019 alle ore 11:00 presso la casa di riposo di Santandrà. Per l’occasione sono stati invitati il sindaco di Spresiano, dove la signora aveva la sua ultima residenza, e il sindaco di Povegliano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento