rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Conegliano

Conegliano, Centro di medicina per tre giorni diventa anche set cinematografico

La clinica ambulatoriale scelta dalla regista Sabine Derflinger per ambientare una saga familiare di matrice veneta. Il film Tv è prodotto da Bavaria Fiction, ZDF e da Mestiere Cinema. In scena oltre 80 tra attori e staff, tutti monitorati grazie a tamponi giornalieri

A colpire l’occhio della machina da presa non sono state questa volta le sinuose colline del Prosecco ma le più articolate geometrie della moderna architettura sanitaria. A Conegliano in questi giorni sono in corso le riprese del film per la televisione tedesca “Eau de vie”. Una storia che ruota attorno ad una impresa familiare del mondo della grappa, ambientato neanche a dirsi nel Veneto gioioso et amoroso. Dovendo girare delle scene in ambito sanitario, la regista Sabine Derflinger, tra le tante cliniche venete, ha scelto proprio Centro di medicina Conegliano (viale Venezia).

«Penso che niente accada per caso. Qui a Conegliano è nato il nuovo mood architettonico che ha dettato lo stile delle nuove sedi in via di realizzazione, incentrato non solo sui criteri di sostenibilità ambientale ma sul benessere dei pazienti e di chi vi lavora. In sintesi, il design come cura – spiega  Vincenzo Papes, AD del Gruppo – Siamo onorati di essere stati scelti come unica tra tante realtà venete, convinti che anche il cinema possa contribuire a valorizzare quella reputazione della sanità italiana come eccellenza per uno sviluppo futuro anche in chiave di accoglienza e ricettività di un turismo medicale».

Centro di Medicina Conegliano, nuova sede, non è nuova ad apprezzamenti internazionali. Qualche anno fa aveva ricevuto la Menzione Speciale al premio internazionale Architizer A+ Awards di New York, nella categoria “Health Care & Wellness”. Un green building disegnato dagli architetti Mario Mazzer e Marco da Ros che coniuga le ragioni dell’estetica alla funzionalità ed alla ecosostenibilità. Con la sua veste bruna, l’ aspetto scultoreo e monolitico, risultava inconsueto rispetto agli stereotipi delle strutture ospedaliere.

Le riprese all’interno ed all’esterno della struttura, che si concluderanno nella giornata di martedì 11 maggio, si stanno svolgendo senza interferire nella normale vita della clinica. Tra attori principali, comparse e personale di staff, sono oltre una ottantina le persone coinvolte sul set, tutte monitorati costantemente grazie a tamponi giornalieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conegliano, Centro di medicina per tre giorni diventa anche set cinematografico

TrevisoToday è in caricamento