Terremoto a Conegliano: dimessi 13 consiglieri, cade l'amministrazione

Lunedì prossimo le richieste saranno ufficialmente protocollate e per la città si profila il commissariamento. A dare l'annuncio è stato Alessandro Bortoluzzi (Pd): Giunta Chies al capolinea

Fabio Chies

La notizia ormai era nell'aria ma nel pomeriggio di oggi, venerdì 6 novembre, è diventata ufficiale: l'amministrazione comunale di Conegliano è caduta e sarà commissariata dalla Prefettura nei prossimi giorni. Ben tredici consiglieri (i Popolari per Conegliano, l'opposizione e il gruppo misto, tra cui i "ribelli" Leopoldino Miorin e Perantonio Bottega che avevano abbandonato la maggioranza aprendo la crisi) hanno annunciato che si dimetteranno in blocco, presentandosi dal notaio: lunedì questa decisione sarà protocollata e, con il conseguente scioglimento del consiglio comunale, metterà fine all'ormai agonizzante Giunta guidata dal sindaco forzista Fabio Chies. A dare l'annuncio di questo terremoto politico, in uno dei momenti di crisi più acuta della città, è stato Alessandro Bortoluzzi, consigliere comunale del PD e capogruppo. Lo strappo definitivo si era consumato nella serata di giovedì, in un consiglio comunale infuocato durante il quale era avvenuta la revoca da presidente del consiglio comunale, Giovanni Bernardelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento