menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conegliano, un libro per festeggiare i 150 anni dell'Umberto I

Il Sindaco Fabio Chies: "Un orgoglio cittadino, è la scuola dei coneglianesi". Il lettore viene accompagnato in un emozionante excursus nella storia di Conegliano

Questo asilo infantile di Conegliano, questa è l’originaria denominazione fino al 1910, ha fatto crescere la comunità coneglianese dall’Ottocento ad oggi. Secoli che implicano continua affidabilità, serietà, laboriosità ed esperienza. La recita natalizia dell’IPAB, scuola dell’infanzia Umberto I, si svolgerà giovedì 20 dicembre al Teatro Accademia alle ore 18.30 e con l’occasione verrà anche presentato il libro curato dal CDA per i 150 anni dell’asilo. La recita, per quest’anno per la prima volta serale, vede protagonisti i piccoli, le maestre trasformate in registe, i genitori che diventano per l’occasione dei coristi “da spettacolo” dopo lunghe prove e un grande pubblico con un teatro che ogni anno vede la sala al completo.

Le insegnanti stanno correndo negli ultimi giorni per coordinare le varie fasi della recita con intrattenimenti musicali, perché ogni volta per la platea sia una sorpresa. Lo spettacolo con ingresso gratuito quest'anno affronta il tema delle emozioni, seguendo la programmazione svolta durante l’anno scolastico dagli insegnanti. La storia rappresentata racconta dell’iniziale mancanza di emozioni da parte di alcuni folletti, che viene però colmata dalla nascita del Santo Bambino nella notte di Natale. Il Sindaco e il Consiglio di Amministrazione al completo partecipano ogni anno alla recita con il segretario, Gianni Zorzetto e il presidente FISM, acronimo per federazione italiana scuole materne ed è una gran festa come ricorda il presidente dell’Umberto I, Olderigi Rivaben; “Anche quest’anno alla recita natalizia dei suoi 150 anni l’asilo riesce rappresentare un mondo moderno, giovane, vitale, proiettato al futuro e capace di esprimere grandi potenzialità, ma soprattutto capace di dare ai bambini protezione e aiuto nel momento in cui per la prima volta in questa recita, come nella metafora della vita, si affacciano al mondo”.

150 anni: questo è il grandioso traguardo per la più antico asilo del territorio. Questo vuol dire che almeno i bisnonni, poi i nonni e a seguire i genitori hanno frequentato le stesse aule e sempre con commozioni nuove, delle quali una prevale sull’altra, rendendo questa esperienza nel suo complesso straordinaria. L’attuale scuola dell’infanzia Umberto I inizia la sua storia nel lontano 30 maggio con la delibera del consiglio comunale del 1868 e l’apertura il primo ottobre, quindi quest’anno, 2018, si raggiungono i 150 anni per l’asilo più vecchio e importante della comunità del territorio. Ricordiamo che la fondazione dell’asilo avviene nello stesso anno di quella della Carpenè Malvolti, azienda di pregiati vini, che ha reso. Conegliano famosa al mondo e molte altre sono le famiglie storiche citate che hanno sostenuto l’asilo, come i Dal Vera e i Garbellotto. Con un’accurata e minuziosa raccolta di dati fotografici e testuali, presso vari archivi, l’autrice del libro, Nadia Lucchetta, ripercorre con dovizia di particolari i momenti della storia dell’asilo e della città, ma anche dei bambini che, insieme alle maestre, ne sono i protagonisti. Il soffermarsi sulle foto d’epoca corredate da esaustive didascalie rende la pubblicazione preziosa e racconta anche di Conegliano dopo l’invasione nemica avvenuta durante la Prima guerra mondiale. 

Il lettore viene accompagnato in un emozionante excursus che lo riporta indietro nel tempo di 150 anni e sfogliando il libro si possono riconoscere i luoghi e i bambini di ieri, prestate per l’occasione anche dagli ex alunni, mentre ulteriori suggestioni ci vengono regalate dalle immagini dei bimbi di oggi, Il libro è stampato dalle grafiche Battivelli ed è disponibile presso la scuola “Umberto I”, la libreria Canova e Tra le righe di Conegliano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento