rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Conegliano

La Diocesi di Vittorio Veneto a sostegno dei bambini dell’Associazione “La Nostra Famiglia”

L’iniziativa garantisce a circa 95 utenti del Presidio di Riabilitazione di Conegliano la continuità delle cure nel periodo estivo e nei periodi di vacanza scolastica

Il vivere quotidiano ci spinge sempre ad occupare tutti gli spazi del nostro tempo e impedisce di guardarci attorno e di vedere tante fatiche tra cui le fragilità di molteplici famiglie con figli con disabilità. Le difficoltà all’interno della comunità non sono sfuggite alla diocesi di Vittorio Veneto e al suo vescovo Mons. Corrado Pizziolo, che hanno deciso di aiutare bambini e ragazzi che accedono ai servizi de “La Nostra Famiglia” destinando 9.000 euro dei fondi dell’8x1000 a sostegno del progetto “Km di Solidarietà”. L’iniziativa garantisce a circa 95 utenti del Presidio di Riabilitazione di Conegliano la continuità delle cure nel periodo estivo e nei periodi di vacanza scolastica, per garantire la presa in carico globale dell’utente ed evitare che la diminuzione delle risorse dedicate ai servizi di trasporto tolgano un fondamentale supporto alla realizzazione dei piani riabilitativi individuali e al sollievo alle famiglie con figli disabili, già in difficoltà dalle vicende della vita.

I bambini che accedono ai servizi riabilitativi del Presidio di Conegliano provengono, per la maggior parte, dalle parrocchie della Diocesi Vittoriese; essi frequentano la struttura dal mattino fino al tardo pomeriggio, e durante la giornata viene garantito loro un percorso riabilitativo ed educativo.

«La Diocesi – sostiene Mons. Pizziolo - è vicina alle situazioni di fragilità che sono dentro ciascuna comunità, contribuendo ad un sostegno spirituale dei figli di Dio, ma anche con gesti concreti affinchè ogni persona possa vivere pienamente la propria quotidianità».

L’Associazione “La Nostra Famiglia” è presente in Diocesi da più di 50 anni: infatti, nel 1968, veniva inaugurata la struttura di Conegliano. La Chiesa locale, sotto l’impulso dell’allora Vescovo Mons. Albino Luciani, che il 4 settembre scorso è diventato Beato, ha voluto e sostenuto sin dall’inizio il progetto promuovendo la “missione cittadina” di raccolta fondi per coprire i costi del nuovo Presidio. L’amicizia tra Mons. Luciani e “La Nostra Famiglia” parte da molto lontano, quando l’allora Vescovo della cattedra di San Tiziano aveva colto l’importanza di garantire a tutti i bambini e anche alle loro famiglie una qualità di vita migliore e lo ha fatto promuovendo opportunità di cura, percorsi di riabilitazione e formazione. «Questo legame – sostiene Andrea De Vido, direttore generale regionale de La Nostra Famiglia – si rinnova anche oggi grazie all’attenzione della Diocesi e di Mons. Pizziolo che ringrazio a nome di tutta l’Associazione».

La Nostra Famiglia si dedica alla cura e alla riabilitazione delle persone con disabilità. La sua Opera è spinta da una motivazione caritativa e di solidarietà sociale che segue l’ispirazione del fondatore, il quale ha insegnato che «scienza e tecnica devono essere al servizio della carità».  L’opera dell’Associazione si concretizza in particolare: nella riabilitazione delle persone con disabilità, prestando attenzione anche alla loro educazione, istruzione e formazione professionale; nella ricerca scientifica e nello studio delle problematiche mediche, psicologiche e psicoeducative delle varie disabilità; nella sensibilizzazione e promozione della cultura della inclusione sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Diocesi di Vittorio Veneto a sostegno dei bambini dell’Associazione “La Nostra Famiglia”

TrevisoToday è in caricamento