Attualità

Abuso di alcool e risse, a Conegliano scatta l'ordinanza anti-Movida

Anche quando il Veneto sarà in zona bianca i locale dovranno restare chiusi dall'1 alle 5 del mattino. Obbligo per baristi e ristoratori di accatastare sedie e tavoli e divieto di bivacchi sotto il porticato del Duomo, alla Loggia, lungo la scalinata degli Alpini, corte delle Rose, piazzale Zoppas e le gallerie "Zentil" e "Centraffari"

La rissa del 2 maggio scorso

Anche quando il Veneto sarà in zona bianca i locale del centro di Conegliano dovranno restare chiusi dall'1 alle 5 del mattino. Baristi e ristoratori avranno l'obbligo di accatastare sedie e tavoli all'esterno dei locali, per evitare possano essere utilizzati durante aggressioni o risse. E ancora divieto assoluto di bivacchi sotto il porticato del Duomo, alla Loggia, lungo la scalinata degli Alpini, corte delle Rose, piazzale Zoppas e le gallerie "Zentil" e "Centraffari".

Sono solo alcuni dei contenuti dell'ordinanza firmata dal commissario straordinario del Comune di Conegliano, Antonello Roccoberton, per il contrasto del degrado nelle aree dove è maggiormente presente la “movida” serale. Purtroppo il fenomeno dell’abuso di sostanze alcoliche sta assumendo proporzioni rilevanti, specialmente in determinati orari serali/notturni e zone del centro cittadino, o comunque negli spazi pubblici, dove si registra una maggiore concentrazione di persone, anche minorenni, che, a causa del consumo di alcol, ingenerano episodi e comportamenti aggressivi, creando turbativa all’ordine pubblico ed alla sicurezza urbana, favorendo altresì fenomeni di degrado urbano derivanti dall’abbandono al suolo di bottiglie di vetro, lattine ed altri tipi di contenitori.

L’amministrazione comunale con la partecipazione della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine ha aumentato gli interventi che hanno dato riscontri positivi per contenere sia l’abuso di bevande alcoliche sia i comportamenti che generano degrado urbano. Con questa nuova ordinanza si intende proseguire nella lotta al degrado, nella consapevolezza che è compito dell’Amministrazione comunale assicurare la sicurezza ed il decoro della città, garantendo a tutti i cittadini una serena e civile convivenza cercando di rimuovere le cause che impediscono la libera fruizione degli spazi, la quiete e la vivibilità dei centri urbani.

L'ORDINANZA ANTI-MOVIDA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abuso di alcool e risse, a Conegliano scatta l'ordinanza anti-Movida

TrevisoToday è in caricamento