Confagricoltura Treviso: «Urgono indicazioni certe per ripartire»

Ogni mese di stop costa al settore fino al 10% di fatturato. Tra i comparti più in difficoltà a causa dell’incertezza sugli aspetti tecnici e pratici della ripartenza c'è quello degli quello degli agriturismi, che nel trevigiano rischia di veder sfumare gli importanti investimenti

Il presidente di Confagricoltura Treviso Scotti Bonaldi

«Come già accaduto nelle scorse settimane, accogliamo con favore il nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che tuttavia non possiamo considerare come l’atto risolutore delle tante problematiche che ancora affliggono il nostro settore in questo periodo di emergenza economico – sanitaria».

Con queste parole il Presidente di Confagricoltura Treviso, Giangiacomo Gallarati Scotti Bonaldi, commenta il nuovo DPCM emanato nelle scorse ore dal Governo.

«E’ sicuramente importante -prosegue Scotti Bonaldi - l’aver dato un orizzonte temporale più specifico per la ripresa delle attività, ma i tempi sono troppo lunghi e restano ancora troppi i punti oscuri che necessitano un chiarimento. Con l’avvio della Fase2 entriamo in un periodo di lunga convivenza con il virus, che non sparirà presto dalle nostre vite. Le imprese agroalimentari hanno già perso il 30% del fatturato a causa del lockdown, e calcoliamo che ogni mese di inattività d’ora in avanti causerà perdite mensili ulteriori stimabili tra il 5% e il 10%: proprio per questo, consci che la ripresa sarà lenta, chiediamo che si arrivi quanto prima a definire gli aspetti tecnici e pragmatici di questa co-abitazione forzata, perché non ci possiamo permettere un nuovo stop».

Un provvedimento che lascia ancora nell’incertezza comparti di grande importanza per l’agroindustria trevigiana, come ad esempio quello degli agriturismi, che negli ultimi anni - anche grazie alla nomina delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene a patrimonio dell’umanità Unesco - ha visto grandi investimenti. Proprio per la peculiare importanza del mondo dell’ospitalità e del turismo slow nell’economia provinciale e veneta, Confagricoltura Treviso è tra i protagonisti del tavolo tecnico regionale sul tema, finalizzato all’individuazione delle migliori condizioni per ripartire.

«Ad oggi il mondo degli agriturismi è completamente fermo, in questi mesi abbiamo colto grande rassegnazione tra gli operatori e le diverse componenti economiche coinvolte» spiega Fabio Curto, vicepresidente di Confagricoltura Treviso. «Ora tuttavia c’è grande voglia – e grande bisogno – di ripartire, ma per farlo è necessario che vengano date indicazioni più chiare. C’è stata una grande presa di coscienza da parte di proprietari e gestori delle strutture, con cui parliamo quotidianamente e che sono pronti a fare tutto il possibile per tornare in attività anche prima del 1° giugno, garantendo ad addetti, turisti e clienti il rispetto dei più alti standard di sicurezza in campo sanitario. Non possiamo però accettare che tutti i rischi e le responsabilità ricadano su di loro. Il nostro territorio è ricco di bellezze naturali e di eccellenze enogastronomiche da scoprire, in grado di assicurare il relax e il distanziamento sociale necessari per godersi una vacanza in serenità. Proprio questo può e deve essere il punto di partenza per un nuovo rinascimento».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento