menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato Castelfranco chiude il 2018 con 64 nuovi associati

Dati incoraggianti per l'associazione castellana che nelle scorse ore ha presentato il bilancio di un anno memorabile che ha segnato i suoi primi 60 anni di attività nel territorio

Confartigianato Castelfranco chiude il 2018, a sessant'anni dalla sua nascita, con un buon risultato indice di crescita del territorio, evidenziando 64 nuove imprese associate con una media di 8 dipendenti per azienda.

La Confartigianato di Castelfranco Veneto ha festeggiato nel 2018 i suoi primi 60 anni come interlocutore presente e pro-attivo verso le problematiche di un territorio, quello della castellana. Un riferimento per le tante imprese artigiane che caratterizzano il Nord-Est che ha saputo leggere la crisi e superarla creando ancora una volta una prospettiva di rilancio per le generazioni future. «Concludiamo un anno importante dove alcuni segnali di crescita ci fanno guardare al futuro con ottimismo - ad aprire gli interventi il presidente della Confartigianato Castelfranco Oscar Bernardi - nuovi iscritti per noi significano molto non solo per l'operosità della nostra associazione di categoria ma e soprattutto perché lo ritengo una chiara espressione di un territorio, quello della castellana, che non si è fermato nemmeno stavolta ma continua a lavorare, creare, produrre. Gli artigiani, noi li abbiamo chiamati 'eroi in prima linea” in occasione di questo sessantesimo anniversario, continuano a dimostrare che chi non molla, arriva agli obiettivi. Ed è questo messaggio che vogliamo mandare oggi, non mollare mai e stare sempre in prima linea». I 64 nuovi iscritti alla Confartigianato di Castelfranco si aggiungono ai 26.500 cedolini paga elaborati in un anno, ai servizi di amministrazione personale e fiscale rivolti a oltre 800 aziende e alle numerose ore di formazione rivolte agli associati e loro dipendenti.

Una serie di eventi e iniziative hanno caratterizzato il 2018 come per esempio "OCJO la sicurezza è di scena" che ha contato una media partecipativa di 400 ospiti, più di 40 corsi e workshop per 1700 dipendenti e/o datori di lavoro, gli incontri di formazione rivolti ai dirigenti ed infine i momenti celebrativi del 60° anniversario dalla costituzione dell'ente che si è chiuso in Villa Emo lo scorso 7 ottobre con il concerto dei Los Massadores. «Abbiamo riscontrato una difficoltà, ovvero il personale. Può sembrare strano ma molte delle nostre aziende associate non riescono a trovare persone da impiegare nelle proprie attività – prosegue Bernardi – Questo è un tema sul quale lavoreremo nel 2019. Ci stiamo interrogando su quale immagine abbiano i ragazzi del mondo dell'artigianato e del perché pochissimi siano interessati. Pertanto faremo un sondaggio e cercheremo di capire quale sia l'immagine dell'artigiano e creeremo momenti, si pensa anche a dei veri e propri 'open day' di cantieri e aziende, per sensibilizzare i ragazzi, le scuole e forse migliorare la percezione del comparto che rappresentiamo. Non è più come un tempo!» «Cerchiamo giovani da formare ma anche operai esperti: – interviene Roni Favarovicepresidente – molte imprese e aziende fortunatamente stanno crescendo e vi è questa necessità. Vogliamo allargare questa nostra esperienza perché va ricordato che il Veneto e la Castellana nello specifico, sono caratterizzati dall'artigianato». «Rivolgersi alle scuole sarà un nostro obiettivo – Maurizio Cattapan, vicepresidente – cercheremo un dialogo e in collaborazione con loro, studieremo i passi più opportuni da fare. Abbiamo pensato alle superiori visto che Castelfranco ha diversi istituti ma anche alle scuole medie per aiutare i ragazzi nell'orientamento, per aiutarli ad affrontare una scelta difficile come questa a soli 14 anni». «Tra i servizi che verranno avviati, alcuni sono anche già partiti qui a fine anno, nel 2019- spiega il segretario Dino Bonetto – abbiamo pensato e stiamo attivando la consulenza assicurativa, la dichiarazione di successione, il tema della privacy, la fatturazione elettronica e il servizio di assistenza informatica per il recupero dati hardware. Perché di fronte a un mondo in evoluzione cerchiamo di stare al passo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento