Lunedì, 20 Settembre 2021

Treviso, il presidente del consiglio comunale ai consiglieri: «Bugiarda e moccioso»

Giancarlo Iannicelli, presidente del consiglio comunale di Treviso, è finito nella bufera per lo sfogo di venerdì 30 aprile contro i consiglieri di minoranza Tocchetto e Pelloni

Il presidente del consiglio comunale di Treviso, Giancarlo Iannicelli, è finito al centro di un'accesa polemica per aver definito la consigliera Maria Tocchetto "una bugiarda" e il consigliere Stefano Pelloni un "falso" e un "moccioso" nel corso dell'ultima riunione in streaming, venerdì 30 aprile. «Più che offendere me - commenta Pelloni su Facebook - queste parole offendono l’istituzione del Consiglio comunale e tutti i cittadini di Treviso. Ringrazio i cinque consiglieri della maggioranza che mi hanno chiamato per esprimeremi la loro solidarietà rispetto al comportamento del presidente». Le immagini del video non lasciano spazio a molte interpretazioni: lo sfogo del presidente Iannicelli contro i due consiglieri ha sollevato non poche polemiche in consiglio comunale.

Il commento 

A rincarare la dose è arrivato in queste ore anche Giovanni Zorzi, segretario provinciale del Pd: «Il Generale Iannicelli deve capire che il consiglio comunale non è una caserma dove far valere il proprio grado con autorità. Se non riesce proprio ad essere super partes, come richiesto dal suo ruolo di presidente - e la reazione scriteriata dell’altra sera lo dimostra in modo evidente - ne prenda atto e si faccia da parte. Prima però è bene che chieda scusa ai consiglieri Pelloni e Tocchetto offesi da parole e toni che sono inaccettabili da chi è chiamato a svolgere funzioni pubbliche.

Mi auguro - continua Zorzi - che all’imbarazzo all’interno della maggioranza consiliare, come si registra dalle attestazioni di solidarietà ai consiglieri Tocchetto e Pelloni, faccia seguito una presa di posizione chiara di condanna per quanto successo. Ne va della credibilità di un’istituzione come il consiglio comunale che rappresenta tutti i cittadini di Treviso e della stessa amministrazione Conte». «Le offese rivolte da Iannicelli a due rappresentanti dei cittadini hanno prodotto un vulnus all’intera assemblea comunale - dice Roberto Grigoletto, consigliere comunale e membro della segretaria provinciale del Partito Democratico a Treviso - Non si tratta solo di pretendere da parte chi presiede di essere super partes e di garantire una gestione non conflittuale dei lavori dell’aula (due aspetti che dovrebbero essere considerati scontati). Quando però si scade nell’insulto e si screditano i rappresentanti democraticamente eletti dai cittadini ci troviamo di fronte ad un atto di estrema gravità. Posso comprendere la stanchezza e la tensione che producono talvolta alcuni cedimenti. Capisco anche che ciascuno ha il proprio vissuto relazione e il personale temperamento. Ora però la questione deve essere riparata e ricomposta: per il rispetto che si deve sempre riservare alle persone, che in questo caso sono anche rappresentanti dei cittadini; e per l’autorevolezza dell’organo istituzionale Consiglio comunale che si deve garantire davanti ai cittadini. Mi appello al presidente Iannicelli perché si faccia al più presto promotore di una iniziativa che consenta al Consiglio di uscire quanto prima da un grande imbarazzo, in questo caso istituzionale, e dall’amaro retrogusto che rimane dall’ultima seduta del consiglio comunale»

Si parla di

Video popolari

Treviso, il presidente del consiglio comunale ai consiglieri: «Bugiarda e moccioso»

TrevisoToday è in caricamento