Convegno "Sulla strada in sicurezza": i dati parlano di 750 incidenti annui

“La sicurezza stradale è un valore per tutti e ciascuno di noi può fare la differenza – ha dichiarato il prefetto Maria Rosaria Laganà – La nostra responsabilità dev’essere al primo posto ogni giorno"

“Su 750 sinistri dell'ultimo anno, sui quali siamo intervenuti, in moolti casi si è trattato di fuoriuscite autonome, determinate nella maggior parte dalla distrazione, come l’uso del telefonino o dello smartphone”. Sono cifre allarmanti quelle diffuse sabato dall’ispettore dei Vigili del Fuoco di Treviso, Sergio Zambon, al convegno “Sulla strada in sicurezza”, promosso dalla Polizia Locale di Maserada sul Piave, il cui iter d’istruzione protrattosi per 4 mesi si completa in questo mese di maggio, coinvolgendo 176 studenti della Scuola secondaria di primo grado “Don Milani” (4 seconde e 4 terze classi), con una serie di lezioni teoriche e pratiche sulle tematiche della sicurezza stradale.

Nella conferenza finale, tenutasi all’auditorium, oltre al sindaco e gli studenti con i loro insegnanti, erano presenti Maria Rosaria Laganà prefetto di Treviso, Alessandro De Ruosi dirigente della Polizia Stradale di Treviso e Dario Santamaria coordinatore della Polizia Locale. L’ispettore Sergio Zambon ha diffuso questi dati allarmanti, aggiungendo che le recenti tecnologie, che hanno reso i veicoli più sicuri, rendono tuttavia l’abitacolo più inaccessibile se deformato da sinistri stradali di notevole impatto: “E’ necessario pertanto avere la massima attenzione alla guida. Un solo momento di distrazione può rivelarsi fatale. Se sbagliamo, non torniamo più indietro. Negli anni Settanta si moriva, se un veicolo era coinvolto in un sinistro stradale a un impatto di 70 km/h. Oggi non si muore più, a un impatto alla stessa velocità, perché il veicolo è più sicuro e confortevole, ma una semplice deformazione dell’acciaio del veicolo comporta comunque più difficoltà per i vigili del fuoco aprire l’abitacolo per estrarre il ferito”. Alessandro De Ruosi, dirigente della Polstrada di Treviso, ha mostrato immagini di grande impatto emotivo, facendo vedere cosa può comportare una semplice distrazione alla guida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La sicurezza stradale è un valore per tutti e ciascuno di noi può fare la differenza – ha aggiunto il prefetto Maria Rosaria Laganà – La nostra responsabilità dev’essere al primo posto ogni giorno. Importante toccare anche il tema sanzionatorio, perché ad ogni violazione corrisponde una sanzione. Dobbiamo perciò tenere il cervello acceso quando circoliamo sulle strade”. La dirigente scolastica Paola Bortoletto, nel complimentarsi coi promotori, ha sottolineato l’alto valore didattico delle giornate d’istruzione, focalizzate sull’educazione sia negli aspetti teorici che nelle prove pratiche. Alla fine, sono stati premiati i 3 studenti di terza media, che hanno svolto i migliori elaborati sul tema della sicurezza stradale. Ecco i nomi: Alessia Marchesin, Ambra Rossi e Martina Zanatta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Sequestrata dai Nas la casa di riposo “Home Claudia Augusta”

  • Club 27 chiuso "per ignoranza", i titolari: «Rispettate le regole»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento