Ponte di Piave, nuova convenzione con gli Alpini: «Aiuti per le emergenze»

La convenzione avrà una durata di 5 anni e prevede anche attività di formazione costante, fondamentale per far fronte alle diverse situazioni di emergenza che si possono verificare

In foto la firma della convenzione

E’ stata firmata lunedì 3 agosto la nuova convenzione tra il Comune di Ponte di Piave, Ana (Associazione Nazionale Alpini) e il Nucleo Protezione Civile–Zona Piave.

«La convenzione - ha dichiarato il sindaco  Paola Roma - sancisce una collaborazione con l'associazione in caso di soccorso e superamento dell’emergenza al verificarsi di eventi di Protezione civile. Il nome stesso del nucleo “Zona Piave” porta con sé il riferimento al nostro Comune: Ponte di Piave è da sempre zona sensibile sotto il profilo idrogeologico. Ringrazio il Presidente dell’Ana di Treviso, Marco Piovesan, ed in particolare il referente del gruppo alpini di Ponte di Piave, Renzo Dalla Francesca, e tutti i volontari per lo spiccato senso del dovere da sempre dimostrato, non da ultimo nell’affrontare l’emergenza Covid-19. Un ringraziamento particolare al Comandante della Polizia locale, Giuseppe Davidetti, e a tutti i nostri vigili per il coordinamento delle operazioni di protezione civile in ambito comunale».

«La normativa vigente in materia di Protezione civile - continua il vicesindaco con delega alla Protezione Civile, Stefano Picco - fa obbligo ai Comuni di dotarsi di un'adeguata struttura operativa che, in presenza di eventi calamitosi naturali e non, riesca ad intervenire con tempestività rispondendo efficacemente ai bisogni di previsione, prevenzione, soccorso e superamento dell'emergenza. Il Nucleo PC ANA Zona Piave collaborerà con il personale del Comune, con il gruppo comunale volontari di Protezione civile, con i vigili del fuoco, la Guardia Forestale e gli organi di polizia». «La sottoscrizione di oggi – ha dichiarato il presidente Ana di Treviso Marco Piovesan – è un altro passo nella collaborazione tra amministrazioni; i nostri volontari, data la connotazione territoriale, tengono in particolar modo a dare supporto alla popolazione in situazioni di emergenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento