«Coronavirus, accanto all’emergenza sanitaria non trascurare le emergenze sociali»

L’appello della Presidente dell’Ordine Regionale che rappresenta i professionisti del servizio sociale impegnati in Veneto

Le tende all'estero degli ospedali veneti

Accanto ai camici bianchi, alle forze dell’ordine, ai volontari della protezione civile, della Croce Verde e della Croce Rossa, in questi giorni sono impegnati sul fronte della gestione dell’emergenza, lontani dai riflettori, anche centinaia di assistenti sociali. «Sono chiamati a un lavoro preziosissimo e difficile – spiega Mirella Zambello, Presidente dell’Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto – e non solo nei territori in cui si registrano i contagi. L’isolamento che coinvolge nel caso di Vo un intero territorio, in altri Comuni singole persone o nuclei familiari, ha portato con sé numerosi problemi: pensiamo ad esempio ai figli che non possono recarsi dai genitori anziani cui prestavano assistenza quotidiana o alle conseguenze psicologiche che alcuni messaggi allarmistici o contraddittori suscitano nei soggetti più fragili, o alle situazioni che si verificano nelle case di riposo, in cui da giorni non sono possibili le visite…Ecco che i nostri colleghi si trovano a svolgere una delicata funzione di “antenne del bisogno” e di “segretariato sociale”, interpretando alcune delle missioni indicate dal nostro codice deontologico che ci chiede di contribuire a una corretta informazione e diffusa sui servizi e al contempo a metterci a disposizione dell’amministrazione o dell’autorità pubblica in caso di gravi emergenze sociali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In una situazione difficile e inedita come quella che stiamo vivendo -spiega Zambello- oltre alla grande attenzione al problema sanitario e alle sue conseguenze economiche, occorre gestire al meglio anche le emergenze sociali. Gli assistenti sociali sono impegnati a fondo in questa direzione e possono svolgere un ruolo di raccordo importante fra Comuni e istituzioni sanitarie»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento