menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, cinque bambini cinesi in isolamento nella Marca

Sono studenti tornati da viaggi nelle zone considerate "a rischio". Sale così a 8 il numero di isolamenti volontari nella Marca. Nessuno ha dimostrato finora i sintomi del virus

L'allerta Coronavirus resta alta in tutto il Mondo e, in provincia di Treviso, salgono a 8 i casi di isolamento volontario per altrettanti bambini cinesi rientrati nella Marca dopo essere stati in viaggio nelle zone considerate a rischio.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", per tre di loro il periodo di isolamento volontario in casa è già terminato senza nessuna complicazione. In questi giorni sono quindi potuti tornare tra i banchi di scuola. Restano in isolamento, per adesso, altri 5 bambini cinesi. Due di questi avevano iniziato la scorsa settimana i 14 giorni di quarantena volontaria. A breve, dunque, potranno tornare anche loro in classe. A questi si sono aggiunti altri tre giovani appena rientrati dall'estremo oriente. L'isolamento, in tutti i casi, è stata una scelta volontaria presa dalle famiglie dei bambini che hanno voluto aspettare prima di tornare a mandare i figli a scuola. Visto che nessuno degli 8 bambini aveva la febbre, una volta rientrati dalla Cina, avrebbero potuto tornare a scuola ma i genitori hanno preferito aspettare. La quarantena obbligatoria scatta solo con i pazienti che, rientrati in Italia, dimostrino lievi sintomi di influenza e febbre. I bambini cinesi tornati nella Marca si sono dovuti misurare la temperatura ogni giorno, comunicando i valori  al servizio di Igiene e sanità pubblica dell’Ulss 2, guidato dal direttore Sandro Cinquetti. Una misura precauzionale importante e di buon senso per evitare la diffusione del virus. Per loro ancora qualche giorno di pazienza prima di tornare alla normalità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento