Cimadolmo, al via i test sierologici Covid-19 sulla popolazione

In campo a gestire le operazioni Castel Monte Salute, il Comune e i volontari di Pro Loco, Protezione civile e Croce Azzurra Cimadolmo

Lo screening di Cimadolmo

Dopo un primo assestamento sono cominciate con ordine questa mattina le operazioni di screening della popolazione voluta dalla Amministrazione comunale di Cimadolmo. Grazie al supporto tecnico della Castel Monte Salute ed al coordinamento tecnico di Comune di Cimadolmo, Croce Azzurra, Pro Loco e Protezione civile Cimadolmo, presso la pista di pattinaggio, un'area ampia coperta di quasi 800 metri quadrati, sono state avviate le operazioni di accettazione e prelievo del sangue per tutti color che si erano prenotati nei giorni scorsi per sottoporsi al test sierologico qualitativo per la ricerca degli anticorpi IgM e IgG verso il Covid-19 (utili a compiere un’indagine epidemiologica per comprendere la circolazione del virus tra la popolazione che vi si sottopone). 

«Un  grazie sentito ai volontari, al personale comunale e a quello tecnico della Castel Monte Salute per la professionalità e il coordinamento messo in campo  - spiega il sindaco di Cimadolmo, Giovanni Ministeri - Le operazioni si stanno svolgendo in sicurezza e con ordine, consentendo ad una parte importante della popolazione di sottoporsi ai test sierologici. In un momento in cui della malattia conosciamo ancora troppo poco, l'unica arma è la prevenzione. E' indispensabile quindi avere la mappatura del territorio, per arginare l'eventuale diffusione del virus e dall'altro lato per garantire la serenità e la sicurezza delle persone che sul territorio vivono e lavorano. In questo ci affianchiamo allo straordinario lavoro svolto dalla Regione del Veneto, a cui guardiamo con stima e che ringraziamo per l'encomiabile gestione dell'emergenza». 

FOTO 3-2-30

L'iniziativa del Comune di Cimadolmo, che ha superato la soglia delle 600 persone prenotate, anche da fuori comune, proseguirà anche domani e probabilmente richiederà delle date aggiuntive. "All'obiettivo di superare il tetto delle 1000 persone partecipanti stanno concorrendo molte aziende che ci stanno chiamando offrendo la disponibilità di effettuare i test per i dipendenti direttamente all'interno dell'attività produttiva. - aggiunge il sindaco di Cimadolmo, Giovanni Ministeri - Trovo encomiabile, in un momento di grave crisi economica, la serietà e l'interessamento che stanno dimostrando nel tutelare la salute dei loro lavoratori". 

L'iniziativa, al momento unica in provincia di Treviso, prevede la compartecipazione alla spesa del test da parte dell'ente locale per i residenti a Cimadolmo (23 euro in contributo del privato residente, di 20 euro quello del Comune; 43 euro tariffa intera per i non residenti).  Le operazioni si svolgono grazie alla professionalità della Castel Monte Salute, che interviene con l'equipe del Poliambulatorio Specialistico Castel Monte Salute di Casale sul Sile (direttore sanitario dottor Matteo Zanella).

«I cittadini hanno risposto con senso civico, dimostrando collaborazione e partecipazione composta alla chiamata dell'Amministrazione Comunale. L'esperienza virtuosa di Cimadolmo contiamo si possa replicare anche in altri comuni della Marca - spiega Giorgio Bredariol, Responsabile della divisione sanità della Castel Monte Salute - Lo spazio ampio e arioso dove siamo ubicati ci consente di operare in sicurezza, mettendo in pratica il distanziamento sociale. Le persone provano la febbre prima di entrare e possono dichiarare eventuali sintomi nei giorni precedenti. Anche la pratica del prelievo avviene in modo confortevole e questo mette a proprio agio le persone».

I test sierologici saranno processati dal laboratorio analisi di Centro di medicina, con sede a Conegliano, tra i primi in Veneto a mettere a disposizione i test per cittadini privati e aziende. Domani martedì 5 maggio, dalle 7.30 alle 15.30, seconda giornata di test.

FOTO 2-5-33

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento