Virus, i dipendenti del supermercato donano 1.000 euro dei loro buoni spesa

Protagonisti i dipendenti dell'Interspar di Montebelluna che hanno ceduto quanto a loro consegnato dalla società quale riconoscimento per il lavoro svolto nell'emergenza

Ben 1.000 euro di buoni spesa "Happy card" a favore delle famiglie montebellunesi bisognose. Sono quelle che i dipendenti dell'Interspar di via Schiavonesca hanno raccolto e voluto donare al Comune di Montebelluna a sostegno della campagna legata all’emergenza Covid-19 a favore della famiglie in difficoltà. Un gesto di generosità originale e inatteso, reso tanto più significativo da fatto che i buoni sono stati in tagli da 10, 20 e 50 euro rappresentano una parte dei buoni che i dipendenti avevano ricevuto in questi giorni dalla società quale riconoscimento per il lavoro svolto in questo periodo di emergenza.

I buoni, consegnati da alcuni dipendenti venerdì al sindaco, Marzio Favero, saranno recapitati ai Servizi sociali che, assieme alla Protezione civile, stanno gestendo la partita degli aiuti alle famiglie bisognose. Commenta il sindaco, Marzio Favero: «Ringrazio di cuore i dipendenti del negozio Interspar di Montebelluna perché il premio era a loro rivolto ed è davvero enconomiabile che abbiano deciso di devolvere parte del loro premio per le persone più bisognose del nostro territorio. Sono quei piccoli ma importanti gesti che ci fanno sentire comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento