I musei civici di Treviso entrano nelle case con i tour virtuali

Una vera e propria «terapia d’arte e bellezza» per tutti i cittadini costretti in casa a causa del Coronavirus. Sarà permesso di godere attraverso lo smartphone o lo schermo del pc dei luoghi dell'arte temporaneamente chiusi

Il mondo della cultura fa la sua parte per “arrivare” alle persone nel periodo di emergenza sanitaria. Partirà lunedì 16 marzo alle 18, con la pubblicazione del primo video, l'iniziativa social dei Musei Civici di Treviso #pilloledimuseo che permetterà di godere attraverso lo smartphone o lo schermo del pc dei luoghi dell'arte temporaneamente chiusi, rinfrancando gli appassionati con piccoli e informali viaggi attraverso alcuni capolavori di Treviso raccontati in maniera diversa.

Anche i Musei Civici di Treviso intendono continuare a fornire l'usuale servizio pubblico proponendo piacevoli momenti di scoperta attraverso letture originali delle preziose opere custodite: per questo si è pensato a vere e proprie social stories, pubblicate nei profili Facebook e Youtube dei Musei Civici e del Comune di Treviso, per portare un'ondata di bellezza e positività nelle case dei cittadini. Le prime #pilloledimuseo, a cura di Elisabetta Gerhardingher e Paola Bonifacio grazie al sostegno degli Amici dei Musei Civici di Treviso (riprese di Giulio Grespan), offriranno un percorso di approfondimento collegato alla Grande Mostra "Natura in Posa - Capolavori dal Kunsthistorisches Museum in dialogo con la fotografia contemporanea" ospitata nel complesso di Santa Caterina. Si articoleranno inizialmente in tre mini video di circa 5 minuti, con appuntamento ogni lunedì alle 18, che racconteranno aneddoti, dettagli e storie sui temi e gli oggetti di tre quadri famosi del Museo Santa Caterina: "Invisibili armonie" (Santa Cecilia e angeli musicanti, di Antiveduto Gramatica), "Rebus" (Ritratto di Domenicano di Lorenzo Lotto) e "Ah l'amore" (Ritratto di gentiluomo, di Ludovico Pozzoserrato).

Si potrà scoprire dunque cosa rappresentano le monete sul tavolo del “Ritratto di domenicano” di Lorenzo Lotto o perché troviamo due succose pesche adagiate davanti a Santa Cecilia nel particolare dipinto di Antiveduto Gramatica. Inoltre, dal confronto con la grande mostra temporanea “Natura in Posa Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea” nasceranno approfondimenti e storie poco noti, in grado di favorire momenti di gioia intesi ad evidenziare il valore anche sociale ed etico di un patrimonio culturale e artistico condiviso.

«Avevamo pensato a questa iniziativa come una mostra “nella mostra”», afferma l’Assessore ai beni Culturali e Turismo del Comune di Treviso, Lavinia Colonna Preti. «Abbiamo comunque scelto, nell’attesa di poterla riproporre, di portarla nelle case di tutti gli amanti della cultura per regalare una pausa d'arte e di bellezza. La cultura non si ferma e anzi questo doveroso momento di pausa forzata rappresenta il momento ideale per cercare qualche momento di conforto nella bellezza dell’arte insieme ai propri familiari, un libro, un film o, perché no?, un tour virtuale al museo». La mostra “vituale” continua anche nella pagina FB dei Musei Civici e Mostre Santa Caterina Treviso dove vengono pubblicati quotidianamente spunti, aneddoti e storytelling relativi alle opere delle collezioni permanenti e della mostra Natura in Posa, Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea.

backstage riprese-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento