menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente dei panificatori trevigiani, Maurizio Porato

Il presidente dei panificatori trevigiani, Maurizio Porato

Coronavirus, i Panificatori di Confcommercio: «Stremati ma non ci fermiamo»

Qualità e freschezza anche in emergenza coronavirus: i panificatori non fermano la produzione. In arrivo nei panifici della Marca una locandina per rassicurare i consumatori

«I panificatori non si fermano perché il pane è un bene essenziale ed infatti - afferma il presidente della storica categoria di Confcommercio Maurizio Porato - ogni notte sforniamo per i clienti il buon pane fresco con sacrificio, ma anche con la massima convinzione e con la volontà di contribuire ad alleggerire il peso dell’emergenza e della quarantena ai consumatori. In tutte le guerre, il pane ha salvato famiglie ed eserciti e tutt’oggi - pur inflazionato dal pane surgelato precotto dei supermercati, torna ad essere un “prodotto rifugio” anche se negli ultimi anni, ed in questo periodo in particolare, ha preso piede tra le famiglie l’abitudine di pizze e focacce fatte in proprio».

I panificatori della provincia, circa 250 dislocati nei vari comuni della provincia, consapevoli di svolgere un servizio di prossimità, in gran parte hanno aggiunto anche prodotti da forno ed alimentari così da essere in particolare ora, in tempo di Coronavirus, dei veri riferimenti del territorio per quella spesa piccola, sana e salvafamiglie in quarantena. «Ogni nostro panificio – prosegue il presidente Porato - è un riferimento di una via, di un quartiere o di un paese: mai come ora sentiamo tutta la preoccupazione per l’emergenza, ma l’acquisto del pane resta ancora un momento fondamentale e, anche se il consumo a famiglia si è drasticamente ridotto, nei nostri negozi trovano un prodotto sano, di qualità, oltre che un sorriso ed una speranza, quella di uscirne il prima possibile tutti insieme e più forti di prima. Teniamo aperti i nostri forni per affetto e passione e per resistere - spiega Porato - abbiamo dovuto diversificare la produzione da forno ed estendere all’alimentare di base. Ci siamo attrezzati per  gestire l’emergenza ed abbiamo messo in pratica tutte le misure di sicurezza all’interno dei negozi e coi nostri dipendenti,  che non si sono mai tirati indietro pur avendo ogni giorno il rischio concreto del contagio. Affrontiamo le giornate con guanti, metro, mascherine, ingressi contingentati, pane prenotato al telefono per ridurre il tempo di permanenza. Molti lo acquistano per l’intera settimana, così da ridurre le uscite: il pane fresco ha il vantaggio che con il congelamento non perde alcuna proprietà, mentre invece quello industriale si. Inoltre la pagnotta è uno dei pochi prodotti pronti e finiti, facilmente trasportabili, si conserva bene e non richiede lavorazioni e trasformazioni.  Dal panificio alla tavola, mantiene intatta fragranza e bontà. La fatica c’è ed il sacrificio pure: ci alziamo ogni notte per garantire un prodotto sano e fresco, ma la soddisfazione di portare nelle tavole dei trevigiani bontà e qualità in un momento critico come questo, compensa ampiamente». Dai prossimi giorni, infine, in tutti i panifici Confcommercio della provincia sarà esposta una locandina informativa per rassicurare i clienti sull'apertura dei panifici anche in questi giorni di emergenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento