Attualità

Coronavirus, i rangers dei Volontari d'Europa si offrono per affiancare le forze di polizia

Molte le guardie convinte di essere utili alla collettività, titubanza solo per coloro che hanno raggiunto l’età della pensione o che soffrono per patologie personali

Le Pubbliche Amministrazioni andando avanti in queste situazioni estreme avranno bisogno di aiuto. Per tale motivo e ai sensi dell’Art.139 TULPS, anche gli Agenti Giurati Volontari di Polizia Giudiziaria facente capo alle Guardie Zoofile – Rangers dell’O.d.V. “Volontari d’Europa” – federata “Pro Natura”, hanno espresso la loro disponibilità a prestare la loro opera a richiesta dell’autorità di pubblica sicurezza e nel caso poter affiancare gli ufficiali e gli agenti di pubblica sicurezza o di polizia giudiziaria dei comuni di appartenenza. “Se serve, posso rendermi disponibile” questo quanto dichiarato con molto orgoglio dall’Ufficiale Rangers Marco Sossai, responsabile delle guardie e nominato Guardia Zoofila dal mese di marzo del 2015. In questi giorni con il suo lavoro ha cercato di prestare la sua opera a tutti coloro che ne avevano bisogno dimenticando i giorni della settimana, pure la domenica perché l’ambiente non va in vacanza. Ora che la situazione è più restrittiva cercherà di prestare la sua opera al pubblico. Molte comunque le guardie convinte di essere utili alla collettività, titubanza solo per coloro che hanno raggiunto l’età della pensione o che soffrono per patologie personali: “Siamo una squadra e solo uniti potremo dire con orgoglio che andrà tutto bene”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i rangers dei Volontari d'Europa si offrono per affiancare le forze di polizia

TrevisoToday è in caricamento