Coronavirus a Sernaglia: donate e già distribuite 800 mascherine chirurgiche

Il sindaco Villanova: «Le abbiamo destinate alle categorie che sono più esposte al contatto con il pubblico e quindi ai medici di base e alle attività commerciali che rimangono aperte»

L'Amministrazione comunale di Sernaglia della Battaglia ha ringraziato la società Haier AC Italy Trading Spa di Revine Lago e il suo amministratore delegato Marco Matteo Stefani per avere donato al Comune 800 mascherine chirurgiche, un bene particolarmente prezioso in queste settimane di emergenza sanitaria. «Abbiamo pensato di destinare queste mascherine alle categorie che sono più esposte al contatto con il pubblico - afferma il sindaco Mirco Villanova - e quindi ai medici di base, alle attività commerciali che rimangono aperte anche in questi giorni difficili continuando a garantire i beni di prima necessità alle nostre comunità, a chi effettua consegne a domicilio, a benzinai, edicolanti, tabaccai e anche ai volontari della protezione civile. La distribuzione è iniziata giovedì 2 aprile. Ringraziamo di cuore Haier AC Italy Trading Spa e la ditta sernagliese Rotofresh-Rotochef, che ha curato il confezionamento dei dispositivi di protezione individuale, per i loro contributi a favore della collettività che dimostrano una volta di più come ognuno di noi possa fare la sua parte per superare l'emergenza da Covid-19: chi donando, chi prestando il proprio tempo per aiutare i più deboli, chi - la maggior parte di noi - stando a casa» conclude il sindaco.

SernagliaMascherine02042020a-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento