Coronavirus in Veneto: «Nessun caso in provincia di Treviso»

Il sindaco Mario Conte tranquillizza i cittadini dopo il rimpatrio di uno studente e di un imprenditrice dalla Cina. «Sono stati sottoposti a misure assolutamente precauzionali»

«Nessun caso di Coronavirus è stato registrato, ad oggi, in provincia di Treviso». Il sindaco Mario Conte fa chiarezza sulla situazione del pericoloso virus nella Marca dopo il rimpatrio nei giorni scorsi di uno studente minorenne e di un'imprenditrice trevigiana ricoverati per aver accusato sintomi influenzali e febbre dopo essere tornati dalla Cina.

Il primo cittadino di Treviso ha commentato l'episodio con queste parole: «In queste ore mi stanno scrivendo molti cittadini preoccupati in merito a presunti casi di Coronavirus nel nostro territorio. Sono in costante contatto con Ulss 2 Marca trevigiana e con il direttore generale Francesco Benazzi che mi ha confermato che non ci sono casi sospetti nel Trevigiano. I soggetti rientrati dalla Cina nei giorni scorsi con qualche linea di febbre sono stati sottoposti a misure assolutamente precauzionali. E' opportuno, in questi casi, non diffondere notizie false o sensazionalistiche. In ogni caso, vi terremo in costante aggiornamento attraverso i canali ufficiali condividendo con Ulss 2 tutte le informazioni».

La nota uficiale dell'Ulss 2

Nessun caso sospetto di coronavirus nel Trevigiano. Allo stato attuale non sono stati registrati, in provincia di Treviso, casi di persone che presentino un quadro definibile come sospetto secondo i criteri del Ministero della Salute. L’Ulss 2 ha gestito a ieri, giovedì 30 gennaio 2020, due situazioni relative a soggetti italiani con sintomi respiratori non importanti rientrati dalla Cina: una 50enne con febbre, inizialmente in osservazione in ospedale e poi rinviata a domicilio e un bambino di 4 anni, senza febbre, con tosse. Per entrambi l’isolamento domiciliare varrà per 15 giorni, dal rientro in Italia. In relazione al coronavirus vengono adottati i seguenti comportamenti prudenziali di sanità pubblica: ricovero ospedaliero per i soggetti rientrati dalla Cina con sintomatologia importante; isolamento domiciliare per 15 giorni i soggetti rientrati dalla Cina con sintomatologia non importante; controllo quotidiano della temperatura corporea, per 15 giorni, per i soggetti rientrati dalla Cina, asintomatici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come confermato dalle Autorità Sanitarie Nazionali la situazione epidemiologica in provincia di Treviso è attualmente totalmente priva di criticità e gestita con il massimo livello di attenzione – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi - E’ del tutto evidente stagionale, stante l’attuale diffusa mobilità delle persone da e per la Cina e la coincidenza con il piccolo dell’influenza che in relazione all’epidemia in corso si renderà  necessaria anche nelle settimane a venire, in provincia di Treviso così come in tutto il resto del Paese, l’applicazione della misura dell’isolamento domiciliare nei confronti delle persone che rientrano dalla Cina con sintomatologia non importante. Si tratta di una misura precauzionale che deve essere in alcun modo fonte di allarmismo né deve essere confusa con i casi conclamati di coronavirus». In pieno periodo influenzale sono frequenti forme respiratorie totalmente indipendenti dall’infezione da coronavirus: tali situazioni non devono destare alcuna preoccupazione e devono essere gestite con i criteri consueti dal medico di famiglia. Per evitare quanto più possibile queste situazioni è ancora raccomandata la vaccinazione antinfluenzale disponibile presso tutti i servizi vaccinali dell’Ulss 2, a favore di tutte le persone over 65 o con patologie croniche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento