Finto vaccino per il Coronavirus a cinquanta euro: truffatore denunciato

Un 50enne di Vittorio Veneto è stato smascherato dalla Polizia locale. Tra venerdì 6 e sabato 7 marzo aveva tappezzato la città di volantini sperando di truffare anziani e creduloni

La Polizia locale lo ha sorpreso mentre stava lasciando una serie di volantini sui parabrezza delle auto in sosta. Peccato che non si trattasse di normali pubblicità ma di una truffa meschina che pubblicizzava un finto vaccino contro il Coronavirus al costo di 50 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" a finire nei guai è stato un 50enne di Vittorio Veneto che, tra venerdì 6 e sabato 7 marzo, ha riempito il paese con una serie di volantini scritti al computer ma pieni di errori grammaticali in cui si pubblicizzava la vendita di una fantomatica cura contro il Coronavirus: «sei compresse per un anno di copertura dal virus al costo di 50 euro per confezione». Non appena i volantini hanno iniziato a essere segnalati anche sui social network gli agenti della Polizia locale di Vittorio Veneto si sono subito messi sulle tracce del responsabile. Proprio nei giorni scorsi una dipendente che si occupa delle pulizie in municipio ha scoperto di essere positiva al virus provocando l'isolamento anche di tre vigili urbani che erano entrati in contatto con lei nei giorni scorsi. Approfittando della situazione di emergenza, il truffatore ha cercato di intascare soldi facili pubblicizzando ai vittoriesi una cura inesistente per proteggersi dal virus. Dopo poche ore è stato rintracciato e denunciato per "diffusione di notizie false e turbativa dell’ordine pubblico", reato punito dall'articolo 656 del codice penale. L'indirizzo email indicato nel volantino è stato chiuso e ora il 50enne rischia l’arresto fino a tre mesi o una multa fino a un importo di 309 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento