Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

Lunedì 6 luglio il Governatore del Veneto ha presentato il nuovo documento. Inasprite le misure per gli isolamenti fiduciari: chi rifiuta i tamponi o i ricoveri verrà denunciato

Il Governatore Zaia durante il punto stampa

«Dal 1 luglio in Veneto ci sono stati 28 contagi in una settimana, un'inezia dal punto di vista epidemiologico, ma 15 di questi sono casi relativi a cittadini stranieri. A noi interessa che il virus non si diffonda, non è una questione di razzismo. Siccome il Veneto si è sempre dimostrato all'avanguardia, la nuova ordinanza è semplice da un lato perché comprensibile a chiunque ma, dall'altro, anche complicata perché bisognerà lavorar di più per limitare in più possibile i contagi».

SCARICA LA NUOVA ORDINANZA

Il Governatore del Veneto, Luca Zaia, ha presentato con queste parole, lunedì 6 luglio, la nuova ordinanza regionale: «L'obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni sarà obbligatorio per: persone entrate in contatto con cittadini positivi al tampone; cittadini veneti (e non) che tornano o arrivano da Paesi extra Schengen. In isolamento anche le persone che risulteranno avere una temperatura superiore a 37.5 gradi. Le Ulss potranno disporre l'isolamento in strutture alberghiere o extra-ospedaliere nel caso in cui il positivo viva con i familiari in uno spazio sovraffollato. Le novità più importanti riguardano però i lavoratori delle aziende: ci sarà l'obbligo di un doppio test del tampone per tutti i lavoratori che rientrano in Veneto dai Paesi esteri che non fanno parte della lista dei 36 Stati stabilita dalla Regione. Nessun obbligo di isolamento o tampone per chi arriva in Veneto da questi Paesi:1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria 4. Svizzera 5. Cipro 6. Repubblica Ceca 7. Germania 8. Danimarca 9. Estonia 10. Grecia 11. Spagna 12. Finlandia 13. Francia 14. Croazia 15. Ungheria 16. Irlanda 17. Islanda 18. Liechtenstein 19. San Marino  20. Lituania 21. Lussemburgo 22. Lettonia 23. Malta 24. Paesi Bassi 25. Norvegia 26. Polonia 27. Portogallo 28. Romania 29. Svezia 30. Slovenia 31. Slovacchia 32. Regno Unito e Irlanda del Nord 33. Andorra 34. Principato di Monaco  35. Stato della Città del Vaticano 36. Italia. Inoltre dovranno sottoporsi a un secondo tampone di accertamento, anche se il primo era risultato negativo. I cittadini non lavoratori che arriveranno in Veneto da un Paese non compreso nella lista dei 36 stati considerati "non a rischio" dovranno invece passare due settimane in isolamento obbligatorio. Le Ulss dovranno comunicare obbligatoriamente quali sono le persone in isolamento ai sindaci dei vari Comuni di appartenenza e alle Prefetture. E' un obbligo di legge. Chi rifiuterà il ricovero ospedaliero dopo essere risultato positivo al test sarà denunciato immediatamente, oltre a ricevere una multa di mille euro anche per i lavoratori dell'azienda che si rifiuteranno di sottoporsi al tampone. Sanzioni in arrivo anche per le aziende che non segaleranno all'Ulss2 di avere dipendenti da sottoporre ai test perché di rientro dall'estero. Chi partiva e tornava in Veneto entro 120 ore fino ad oggi non veniva sottoposto alla quarantena, oggi sì - conclude Zaia - Il Governo però dovrà darci una mano con i controlli».

Il video del punto stampa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento