rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend tra radicchio e carri allegorici di Carnevale

Ecco una selezione di proposte per tutti voi, così da organizzare il vostro fine settimana in tutta tranquillità, in famiglia o con gli amici

CIBO, VINO E MANIFESTAZIONI

- L'evento più atteso di tutto il fine settimana è a Dosson con la 36° Festa del Radicchio Rosso di Treviso IGP che come sempre propone un fornitissimo stand gastronomico. Non manca poi la 29^ Mostra del Radicchio di Treviso Igp a Zero Branco che offre anche spettacoli musicali, balli, luna park e tanto cibo.

- A Tarzo continua la 32^ Festa della Candelora con stand gastronomico, balli ed una mostra di macchine agricole ed un mercato di prodotti artigianali.

- A Vazzola torna l'XI Gran Galà dei pappagalli con tanto di spiedo e panini.

- A Nervesa della Battaglia occhio a "Il Carnevale dei ragazzi 2023" con la sfilata notturna dei carri allegorici.

- A Crespano del Grappa c'è la "Sfilata carri allegorici e scuole" con spettacoli, magia e grandi sorprese colorate.

- A Susegana c'è il Carnevale con la sfilata dei carri e il chiosco con frittelle, crostoli e vin brulè.

- A Segusino l'appuntamento è ovviamente con il tradizionale "Presepio Artistico" (in ambientazione veneta anni '20-40-50), quest'anno dal titolo "Normalità".

- A Valdobbiadene continua invece il 13° Presepe Artistico "Tra Poesia e Paesaggio", uno dei più grandi d'Italia.

- A Treviso va invece in scena il Giorno della Memoria 2023 per ricordare l'Olocausto.

MUSICA, TEATRO, INCONTRI ED ESCURSIONI

- A Treviso al Teatro comunale Mario Del Monaco va in scena il "Recital per violino e pianoforte" con Krylov e Strabbioli. In Fonderia, invece, spazio alla serata "Ritual music for soul" con Tommy Vee al Radika, mentre al Cso Django ecco la "Amateur Nite Live + Karaoke Ribelle". Sempre per gli amanti della musica, questa volta al Museo di Santa Caterina, attenzione anche al dialogo/concerto di Radiofiera e Los Massadores che si confronteranno sul rock made in Veneto.

- Al Radiogolden di Conegliano appuntamento con il live dell'Alberto Visentin Band.

- Al Mattorosso attenzione all'atteso live di Shazami (Federico Russo + Francesco Mandelli).

- A Mogliano Veneto c'è il live di Chris From Tides al Divinus, ma anche il Giornata della Memoria con una fitta programmazione di eventi di ogni tipo.

- A Mareno di Piave l'attenzione è per il live di "Linda Valori & Da?ra Cielarko Trio".

- A Farra di Soligo c'è la degustazione "I vini della merla", ovvero ini intensi, pieni e strutturati insieme al piacere di una merenda in compagnia e di un racconto davvero emozionante: “La storia della tigre”.

- Alla Lovat di Villorba l'autore Giuliano Pasini presenta il libro "È cosi che si muore".

- A Oderzo appuntamento con "L'aperitivo letterario" e Michelle Manias che presenta "La strada del cuore".

- A Castello di Godego appuntamento con “Dallo scudetto ad Auschwitz” in Villa Priuli per la storia dell’allenatore ebreo Arpad Weisz.

- A Salgareda il Premio Goffredo Parise ospita Lorenzo Cremonesi (inviato speciale del Corriere della Sera) per l'incontro "Guerra infinita - Quarant'anni di conflitti rimossi, dal Medio Oriente all'Ucraina".

- Al New Garden di Susegana, per i single, è organizzato lo "Speed date con aperitivo".

- A San Fior si celebra il Giorno della Memoria 2023 con reading "I ricordi non possono aspettare".

- Infine, per gli amanti delle escursioni vi proponiamo la "Visita guidata del Bastione e di Porta San Tomaso" a Treviso, "Il suggestivo borgo di Osigo: passeggiata fino alla panchina gigante" a Fregona e "Asolo medievale: passeggiata dal castello alla rocca".

MOSTRE

- A Treviso il Museo di Santa Caterina ospita la mostra (che si conclude domenica) "Radiofiera 30 – Trent’anni di rock nel nord-est". C'è poi spazio anche per la mostra "Antonio Carlini (1859-1945) - Il Maestro di Arturo Martini" al Museo Bailo oltre a “Volti e Anime” di Gaetano Mansi in conclusione a Cà dei Carraresi e al Sant'Artemio la mostra "Treviso 1875-1970" con gli scatti inediti del passato cittadino grazie al FAST.

- A Sarmede non perdetevi la tradizionale Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia con la sua 40^ edizione dal titolo "Le Immagini della Fantasia". L'esposizione presenta 350 opere di oltre trenta artisti, provenienti da 15 differenti Paesi.

- A Villorba, alla 21Gallery, la mostra "Roma pittura emergente oggi | A New Generation" in cui gli autori mostrano, ancora una volta, la rivoluzione silenziosa della pittura, in particolare di quella figurativa, la sua capacità di rinnovarsi nel tempo in forme sempre più attuali, muovendosi sui sentieri accidentati quanto effimeri del presente in divenire.

- A Palazzo Todesco di Vittorio Veneto spazio all'esposizione fotografica su Albino Luciani.

- A Moriago della Battaglia, alla Casa del Musichiere, termina la mostra “Volti e ritratti del Rajasthan (India)” del fotografo Pietro Casonato.

- A Conegliano, in quel di Palazzo Sarcinelli, continua la mostra "Paparazzo Superstar" del noto fotografo Ron Galella. Si tratta della prima retrospettiva al mondo (da oltre 180 foto) sul grande fotografo/paparazzo statunitense di origini italiane.

- A Oderzo la mostra "Divine - Ritratto d’attrici dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica 1932 – 2018" con immagini che raccontano il ruolo delle donne nella storia del cinema e rievocano la bellezza, il fascino e l’emozione del tappeto rosso.

- A Castelfranco Veneto la mostra "La beffa. Canova e Giorgione, storia di un autoritratto" al Museo Casa Giorgione e anche l'esposizione di street art "Metamorfosi - When the walls become canvas" a Palazzo Spinelli-Guidozzi che si conclude domenica.

- A Sernaglia della Battaglia la mostra "Storia degli zattieri del fiume Piave" che ripercorre la storica attività che permetteva il trasporto, tramite zattere, del legname ed altri merci dal bellunese a Venezia sfruttando la via dell’acqua.

- A Roncade l'esposizione "Etereo divenire" degli artisti Serena Casali e Paolo Zanin.

- Infine, a Montebelluna fino a giugno c'è la mostra “Futuro Agenda 2030” al Museo di Storia Naturale e Archeologia che guarda al futuro attraverso una riflessione sul contemporaneo della scienza e sull’archeologia degli antichi saperi, grazie alle collezioni naturalistiche e archeologiche del Museo arricchite dai prestiti e dalle competenze delle prestigiose collaborazioni istituzionali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend tra radicchio e carri allegorici di Carnevale

TrevisoToday è in caricamento