menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Volante della polizia davanti alla trattoria "La Calandra"

Volante della polizia davanti alla trattoria "La Calandra"

Investito da un'auto a inizio ottobre, muore dopo due mesi in ospedale

Domenico Costariol, originario di Cimadolmo, era stato investito venerdì 9 ottobre davanti alla trattoria "La Calandra" a San Polo di Piave. Le sue condizioni non sono mai migliorate

Domenico Costariol non ce l'ha fatta: dopo due mesi di ricovero in ospedale il suo cuore ha smesso di battere. Era sabato 9 ottobre quando un'auto in corsa l'aveva travolto mentre stava attraversando Via Callarghe a San Polo di Piave per raggiungere l'ingresso della trattoria "La Calandra". Le condizioni di salute del pensionato erano apparse da subito disperate.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", l'incidente era avvenuto nel tardo pomeriggio in un tratto di strada senza strisce pedonali e poco illuminato. Costariol aveva parcheggiato l'auto nell'area di sosta davanti alla trattoria. Il pensionato aveva problemi di deambulazione e, proprio mentre stava attraversando la strada per raggiungere l'ingresso, un'auto l'ha travolto lasciandolo in condizioni gravissime sull'asfalto. Da quel giorno le lesioni interne riportate da Costariol non sono mai migliorate, anzi, negli ultimi giorni la sua salute si è aggravata portandolo al decesso. L'incidente era stato ripreso dalla telecamera di sicurezza del locale e il guidatore al volante dell'auto pirata era stato identificato. Nel 2018, sempre davanti alla trattoria di San Polo di Piave, il 79enne Guglielmo Cadamuro aveva perso la vita nello stesso modo, investito dall'auto di un 66enne del luogo. Due incidenti mortali in due anni e ora sono in molti a chiedere di mettere in sicurezza l'attraversamento davanti alla trattoria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento