Covid, il Dump non molla e punta su food & drink nel weekend

Il sabato e la domenica il locale del centro storico rimarrà aperto dalle 10 alle 18. I gestori cambiano quindi formula per continuare rendere viva Galleria Bailo

L'esterno del Dump

Di fronte alla chiusura serale imposta dal nuovo Dpcm, il Dump cambia formula e apre nei weekend dalle 10 alle 18 con il servizio al tavolo in galleria e nel plateatico in Via Luigi Bailo. Forte dell’esperienza maturata in questi anni con i brunch e gli aperitivi, il locale della Galleria Bailo riapre la sua cucina e partire da domenica e oltre ai cocktails e alle selezione di birre, sarà possibile gustare snack e bagel, i tipici panini farciti a forma di ciambella della tradizione newyorkese. Un nuovo inizio, sempre all’insegna della sicurezza e del rispetto delle norme, per un locale che fin dalla sua nascita ha voluto imprimere un segno forte per ridare centralità a uno spazio pubblico, quello della Galleria Bailo, rimasto per lungo tempo ai margini della vita sociale trevigiana. 

Dopo l’adeguamento degli spazi operato secondo le norme imposte alla fine del lockdown primaverile con l’introduzione dei dispositivi di sicurezza e disinfenzione, lo stop obbligato agli spettacoli musicali live, e il rilancio estivo con l’ampliamento dei posti a sedere in esterno, il Dump non si arrende e tenta il tutto per tutto. Apertura nei wekeend dalle 10 alle 18 e spazio a snack e bagel, nel più classico stile newyorkese, oltre alla consueta selezione di cocktail e birre artigianali. Il tutto con il servizio ai tavoli al coperto in galleria e nel plateatico soleggiato. Una scelta obbligata ma anche di responsabilità nei confronti dei tanti avventori del Dump e della città tutta, per un locale che nel corso di questi ultimi anni ha fatto da traino alla rivitalizzazione di uno spazio pubblico quale è Galleria Bailo. Una rinascita decollata anche grazie alla grande attrattiva che la programmazione di eventi del Dump ha sempre avuto per i trevigiani e non solo, e che ora, con la sospensione imposta dall’emergenza sanitaria, ha lasciato un vuoto nella socialità del centro storico. Ma i gestori del locale non si arrendono e intendono dare nuovo slancio a una proposta che, benché rimodulata, senza concerti e djset, resta attuale ed essenziale per non lasciar morire questo angolo nel centro storico, oggi come non mai. 

«Non ci arrendiamo – affermano i gestori del Dump – cambiamo formula per dare un segnale di fiducia ai nostri clienti e allo stesso tempo per continuare a valorizzare Galleria Bailo e la zona del nostro plateatico. In questi anni il nostro impegno è stato costante per dare nuova vita a questo spazio pubblico e attrarre nuova linfa in città con una proposta alternativa per vivere il centro storico con una socialità che è sì aperitivo, ma anche convivialità e cultura. Il tutto, in sicurezza».

Dump Galleria Bailo 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento