rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tamponi di fine isolamento e quarantena gratis in farmacia

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ribadisce la necessità di un cambio di strategia: «Ci si deve concentrare sui sintomatici. Per un vaccinato con tre dosi, se positivo e asintomatico, bastano tre giorni di isolamento»

Il presidente della Regione Luca Zaia è intervenuto questa mattina, 22 gennaio, per un nuovo aggiornamento sull'emergenza Covid-19 in Veneto. Insieme a lui, la dottoressa Francesca Russo, responsabile del servizio prevenzione della Regione Veneto.

Diverse le comunicazioni fatte da Zaia, ma la prima è stata come sempre la lettura del bollettino odierno: «Nelle ultime 24 ore sono risultati positivi al coronavirus 18.773 tamponi su un totale di 85.241 test eseguiti, quindi i test positivi sono il 22,02%. Oggi in Veneto vivono 277.831 cittadini che risultano positivi al virus e negli ospedali i pazienti per Covid-19 sono 1.933. I ricoverati per Covid in area non critica sono 1.744 ed in terapia intensiva ci sono 189 pazienti per Covid e 278 pazienti non Covid».

Lunedì scorso, 17 gennaio, il presidente regionale aveva dichiarato che questa sarebbe stata una settimana cruciale e, arrivati ormai alla fine, pare che ci sia stata davvero un'inversione di tendenza. «Anche se in maniera timida e rimanendo sempre prudenti, da un po' di giorni i ricoveri stanno calando, in particolare quelli delle terapie intensive. Tanto è vero che l'occupazione delle terapie intensive è scesa al 17%, tre punti percentuali sotto la soglia che fa scattare la zona arancione. E l'occupazione dell'area non critica è al 25%, cinque punti sotto la soglia dell'area arancione. L'indice Rt poi è a 1,22 e l'incidenza settimanale è 2.587 casi ogni 100mila abitanti. Quindi abbiamo un'alta incidenza, sinonimo di alta contagiosità, ma la stragrande maggioranza dei positivi è asintomatica o paucisintomatica».

Per Zaia è dunque cambiato lo scenario e quindi, come già richiesto giorni fa, è arrivato il momento per il Governo di cambiare la strategia del piano di sanità pubblica: «È fondamentale che sia modificata la definizione di caso positivo al coronavirus per concentrarsi sui sintomatici. Il tracciamento dei contatti, infatti, è saltato. Inoltre, chiediamo di contare come pazienti Covid solo chi è in ospedale per il virus e non chi arriva in ospedale per altre malattie e scopre di essere anche positivo al coronavirus. E chiediamo che sia anche riformulato il sistema dei colori delle regioni, con parametri che si concentrino sempre di più sull'ospedalizzazione».

Infine, due importanti novità che incideranno sulla vita quotidiana dei cittadini: «Già da oggi - ha annunciato Zaia - i tamponi di fine quarantena e i tamponi dei contatti scolastici si potranno fare in farmacia gratuitamente. E sempre da oggi, il tampone di fine isolamento si potrà fare in farmacia o anche dal medico di base o dal pediatra di libera scelta. Inoltre, nei nostri centri-tampone sarà data priorità ai bimbi con meno di 12 anni, ai fragili e ai disabili. Mentre da lunedì sarà attiva una piattaforma, simile a quella che abbiamo realizzato per la prenotazione dei vaccini anti-Covid, che permetterà ai positivi di prenotarsi il tampone. E da questa piattaforma i cittadini con lo Spid potranno scaricare anche il certificato di guarigione».

Video popolari

Tamponi di fine isolamento e quarantena gratis in farmacia

TrevisoToday è in caricamento