rotate-mobile
Attualità Sant'Ambrogio di Fiera / Via Sant'Ambrogio, 37

Covid, ospedali sotto pressione: «Treviso a 50 ricoveri dalla Fase 5»

Martedì 11 gennaio il nuovo punto sull'andamento della pandemia nella Marca tenuto dal direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi, insieme al direttore della funzione ospedaliera, Stefano Formentini

Gli ospedali dell'Ulss 2 si stanno avvicinando alla "Fase 5" di emergenza per numero di pazienti ricoverati: «Ad oggi mancano in totale 50 ricoveri perché i nostri ospedali entrino nella fase più critica che rischia di sospendere la maggior parte delle attività extra Covid, come successo nel 2020, all'inizio della pandemia».

A dirlo, martedì 11 gennaio, è il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi, intervenuto insieme al dottor Stefano Formentini, direttore della Funzione ospedaliera. «Rispetto a gennaio 2019 e 2020 le prestazioni specialistiche sono stare ridotte del 10.89% (circa 15mila in meno) mentre, nell'ultimo mese e mezzo sono già 1.397 gli interventi chirurgici sospesi a causa della quarta ondata - spiega il dottor Formentini - Ad oggi, in piena Fase 4, stiamo riuscendo a garantire ancora l'attività dei punti nascite, gli interventi oncologici e tutte le urgenze. Al Ca' Foncello abbiamo dovuto chiudere, a causa della pandemia, l'area di day surgery, accorpare l'Ortopedia donne e sospendere l'attività del reparto di Urologia. Inoltre gli ospedali di comunità di Treviso e Vittorio Veneto sono stati interamente dedicati ai pazienti Covid».

WhatsApp Image 2022-01-11 at 13.56.56-2

Per far fronte all'aumento dei ricoveri l'Ulss 2 sta mettendo in atto una nuova riorganizzazione degli ospedali: al Covid hospital del San Camillo di Treviso è stato chiesto di portare a 66 i posti letto dedicati a pazienti Covid. Altri 10 posti saranno ricavati al Guicciardini di Valdobbiadene. La sfida più importante sarà però quella di trasferire i pazienti negativizzati nei centri servizi della provincia in modo da liberare letti negli ospedali. A Casa Fenzi saranno attivati 29 posti letto per pazienti non Covid. «Non possiamo escludere nulla - conclude Benazzi - ma con queste misure speriamo di riuscire ad evitare il passaggio degli ospedali alla Fase 5».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, ospedali sotto pressione: «Treviso a 50 ricoveri dalla Fase 5»

TrevisoToday è in caricamento