rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità Zero Branco

Covid, Zero Branco: dopo un mese oltre duemila tamponi in Comune

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luca Durighetto stila un primo bilancio dell’iniziativa nata per venire incontro alle esigenze di studenti, famiglie e situazioni di fragilità

Quasi 80 classi, oltre 2.100 tamponi processati in poco più di un mese, per una media di 650 test a settimana su 16 sessioni complessive. Sono questi i numeri del progetto "Tamponi in Comune" partito sperimentalmente a Zero Branco a fine dicembre 2021 ed oggi realtà in moltissimi comuni trevigiani.

Nato con l’obiettivo di rendere più agevole il test “pre e post quarantena” per le classi delle scuole del Comune e quindi allargato a situazioni di disagio, l’operazione è frutto della collaborazione sinergica con l’Ulss 2 Marca Trevigiana (Direzione Servizi Socio Sanitari) e dello straordinario contributo di ben 34 persone di Zero Branco, tra medici, infermieri e Operatori Socio Sanitari (Oss). Nella mattinata di lunedì 7 febbraio il punto allestito presso la Sala Consiliare del Comune di Zero Branco ha superato il tampone numero 2mila, portando a oltre 2.100 i test antigenici complessivamente processati in municipio dall’avvio del progetto ad oggi. Questi hanno riguardato per l’80% studenti delle scuole locali e per il restante 20% nuclei fragili.

rigoli e durighetto-2

Il commento

Luca Durighetto, sindaco del Comune di Zero Branco, commenta: «Confidiamo che il Decreto-Legge in vigore dalla giornata di oggi, che modifica in particolare le regole per la gestione della crisi pandemica in ambito scolastico, assieme al progressivo allargamento della copertura vaccinale, possano farci tornare presto alla normalità e ridurre sempre di più le esigenze di attivazione del punto tamponi. Un progetto ormai strutturato e consolidato per il nostro Comune, che ha portato un contributo importante alla quotidianità delle nostre famiglie, nonché alleggerito - specie nei momenti più complessi delle scorse settimane - la pressione sui Covid Point. I numeri che presentiamo oggi, e che trasmetteremo all’Ulss, dimostrano non solo lo straordinario sforzo messo in campo, ma ribadiscono anche quanto l’iniziativa fosse utile e necessaria. Rinnovo i ringraziamenti a tutti i volontari, senza il cui contributo il progetto non sarebbe potuto partire, all’Ulss 2, ai dipendenti comunali, alla Protezione Civile nonché all’Assessore Nicole Cazzaro e all’Assessore Lucia Scattolin, che hanno seguito la relazione con le Scuole e l’organizzazione del punto tamponi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Zero Branco: dopo un mese oltre duemila tamponi in Comune

TrevisoToday è in caricamento