Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19, Zaia: «Ci dicano il prima possibile se sarà necessaria la terza dose»

Il presidente del Veneto ha sottolineato l'importanza della vaccinazione e sulla terza somministrazione aspetta il parere di Ema e della comunità scientifica

Ha parlato sempre dalla sede della protezione civile regionale di Marghera il presidente della Regione Luca Zaia, per aggiornare sull'emergenza coronavirus in Veneto. Anche oggi, 30 agosto, accompagnato dall'assessore regionale alla sanità Manuela Lanzarin, ma anche dall'infettivologa Annamaria Cattelan, primario del reparto di malattie infettiva dell'azienda ospedaliera di Padova.

Gli ultimi dati su Covid-19 in Veneto, aggiornati alle 8 di questa mattina, sono questi: «Sono 319 i positivi al virus scoperti nelle ultime 24 ore - ha dichiarato Zaia - Sono stati trovati eseguendo 10.725 test e quindi la percentuale dei tamponi positivi sul totale è del 2,97%. Attualmente, risultano positivi al coronavirus 13.086 veneti. I ricoverati per Covid-19 sono 278, di cui 223 in area non critica e 55 in terapia intensiva. E in terapia intensiva ci sono anche 349 pazienti non Covid».
E di fronte a questi dati, il commento del presidente del Veneto è stato: «Non siamo fuori dall'emergenza, però rispetto al numero di positivi abbiamo un numero di ricoverati più basso rispetto alle ondate passate. E questo è merito dei vaccini. Ognuno è libero di credere ciò che vuole, ma è inconfutabile che la vaccinazione contro il Covid oggi ci permette di avere tassi di ospedalizzazione molto più bassi».

A proposito di vaccinazione e ricoveri in ospedale per coronavirus, Zaia ha fornito anche questi dati: «I ricoverati vaccinati in area non critica sono il 22,8%, i ricoverati con una dose di vaccino sono il 3,8%, mentre i non vaccinati 73,4%. In terapia intensiva, i ricoverati per Covid-19 sono l'11,8% vaccinati con due dosi, il 7,8% vaccinati con una dose e l'80,4% sono non vaccinati. Quindi le terapie intensive sono quasi del tutto dedicate a pazienti non vaccinati o non del tutto vaccinati».

Infine, Zaia ha espresso un parere anche sulla ventilata somministrazione di una terza dose di vaccino: «Se si dovrà fare ce lo dovrà dire la comunità scientifica. Ema si dovrà esprimere. Ma se sarà necessaria una terza dose, che ce lo dicano subito».

Si parla di

Video popolari

Covid-19, Zaia: «Ci dicano il prima possibile se sarà necessaria la terza dose»

TrevisoToday è in caricamento