menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro don Chiavacci di Crespano, ecco tutti gli appuntamento di settembre

Domenica 2 settembre alle ore 17 Giacomo Colombatti presenta "L’esplorazione Planetaria verso Marte e oltre"

CRESPANO DEL GRAPPA Il centro Don Paolo Chiavacci è una struttura della diocesi di Treviso. Si trova sulle pendici meridionali del massiccio del Grappa (600 metri di altitudine) nel comune di Crespano del Grappa. La sua posizione isolata è il luogo ideale per promuovere e accogliere iniziative di formazione spirituale, cristiana e culturale, in modo particolare sul tema della salvaguardia della natura secondo le intuizioni del fondatore. Don Paolo Chiavacci (1916 - 1982) fu sacerdote diocesano fondatore di quello che diventerà il Centro Chiavacci innamorato di Dio e delle sue creature che con lungimiranza estrema già negli anni settanta parlava di salvaguardia per il Creato mettendo le basi di un ambizioso progetto in un’oasi di pace rivolto a chi cerca la Verità, la pace, Dio. Per info e approfondimenti: presso il Centro 0423 934111

APPUNTAMENTI DI SETTEMBRE 2018 

Domenica 2 settembre ore 17:00

Giacomo Colombatti

“ Università di Padova, Centro di Ateneo di Studi e Attività Spaziali (G. Colombo)

L’esplorazione Planetaria verso Marte e oltre…

Il professor Colombatti  parlerà dell’esplorazione di Marte, della presenza d’acqua nel passato del pianeta rosso e del lago salato scoperto recentemente sotto la superficie del polo sud.

Alla fine breve lezione al planetario

Venerdì 7 settembre

Luigi Marcon

Osservazione al telescopio dei pianeti e delle stelle nel cielo di fine estate.

Saranno visibili Marte e Saturno.

Domenica 9 settembre

Adriana Parinetto

La geologia del Grappa lungo il sentiero delle Meatte.

Ritrovo al parcheggio di Pian dea Bala ore 9:00

Pranzo al sacco

Domenica 16 settembre

Dario Bordin e Franco Chiumento

Le colline di Vidor tra storia e natura.

Dalle 8:15 alle 13:00 circa

Ritrovo ore 8:15 presso il piazzale delle ex fornaci a Crocetta del Montello.

Si ricorda che durante le escursioni ogni partecipante è responsabile della propria incolumità, si raccomanda pertanto un abbigliamento adeguato per l’occasione. Visita a carattere storico-naturalistico sulle due colline sopra il paese di Vidor dove il 10 novembre 1917, dopo la rotta di Caporetto, le truppe tedesche puntavano a superare il ponte sul Piave e dilagare nella pianura. La tenace resistenza si Alpini, Bersaglieri e Arditi schierati a Vidor fermò l'intera xii^ divisione slesiana permettendo il passaggio del fiume a reparti e retroguardie italiane. Seguì poi la distruzione del ponte. In questa battaglia poco conosciuta della Grande Guerra furono decorati con varie medaglie ben 72 italiani. Quì nel cinquantenario, il 12 novembre 1967 officiò la S.Messa Don Paolo Chiavacci (vedi foto). Visita ai siti e all'esterno dell'Abbazia di Vidor che porta ancora sui muri i segni della guerra, preceduta da una competente spiegazione da Dario Bordin, storico locale. Dal punto di vista naturalistico belle vedute sul Piave e colline circostanti con descrizione. Tratto del percorso "Da ponte a Ponte". Escursione di mezza giornata, adatta a tutti. Bastano scarpe adatte munite di suola scolpita. No animali al seguito. Ritrovo ore 8,15 piazzale ex Fornaci in Via Marconi a Crocetta del Montello. Spostamento fino a Vidor con mezzi propri. Info Franco Chiumento  tel. 3395285941

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento