menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cristina Pavesi

Cristina Pavesi

Biblioteca di Treviso, una sala intitolata a Cristina Pavesi

Sabato 20 marzo la Giornata dedicata alle vittime delle mafie. Alla Biblioteca “Zanzotto” una sala lettura sarà dedicata alla studentessa trevigiana uccisa dalla Mala del Brenta

Sabato 20 marzo, alle ore 11, la biblioteca “Andrea Zanzotto” di Treviso ospiterà la celebrazione della XXVI Giornata della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle vittime delle mafie, promossa dal coordinamento provinciale di Treviso di Avviso Pubblico.

Dal 1996, il 21 marzo di ogni anno, primo giorno di primavera, vengono ricordate le vittime innocenti delle mafie, dalla fine dell’800 ad oggi, di cui si è riusciti a ricostruire la storia. Dal 2017, quella che è stata definita la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie è stata ufficialmente riconosciuta da una legge dello Stato. Quest’anno, a causa delle restrizioni stabilite per evitare il diffondersi del Covid, non potrà svolgersi una cerimonia pubblica. L’evento, che si terrà a porte chiuse e che vedrà la presenza del sindaco Mario Conte e del Prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà, verrà trasmesso in streaming sulla pagina Facebook del Comune di Treviso. Durante la cerimonia verrà intitolata la sala lettura della biblioteca a Cristina Pavesi, vittima trevigiana della mafia del Brenta. Nel corso della diretta verranno letti anche i nomi delle vittime delle mafie. Cristina Pavesi, il 13 dicembre 1990, si trovava sul treno Bologna-Venezia, all’altezza di Barbariga di Vigonza, quando un ordigno, posizionato dai criminali della Mala del Brenta, investì il convoglio. Dal 1991 la zia di Cristina, Michela Pavesi (che parteciperà alla cerimonia di intitolazione) porta avanti la memoria della nipote. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento