Cultura e Premio Raduga: il miglior narratore del 2019 è trevigiano

Quattro vincitori su 767 candidati per il decennale del concorso dedicato a giovani scrittori e traduttori italiani e russi under 35 e il primo posto è di Paolo Steffan

Svelati nelle score ore a Verona i vincitori di Raduga, il premio letterario italo russo dell’Associazione no profit Conoscere Eurasia per giovani scrittori e traduttori under 35 dei due Paesi, giunto alla decima edizione. Ad aggiudicarsi il titolo di ‘giovane narratore’ dell’anno per la sezione italiana del concorso è stato il trevigiano Paolo Steffan, di Castello Roganzuolo, con il racconto “Fiaba”, mentre la qualifica di ‘giovane traduttore’ va a Emanuele Bero, per la traduzione in italiano di “Origliare” di Dmitrij Bosjacenko.

Nel corso della cerimonia di premiazione a Villa Brasavola De Massa, le giurie dei due Paesi presiedute da Carlo Feltrinelli, AD della casa editrice fondata nel 1955 dal padre Giangiacomo Feltrinelli, e da Boris Tarasov, professore ordinario dell’Istituto Letterario Gor’kij di Mosca e direttore del Dipartimento di Letteratura straniera, hanno assegnato il premio letterario anche per la sezione russa.  Galina Uzrjutova (Ul’janovsk – regione del Volga) con il racconto “Un mare senza gente” si è aggiudicata il riconoscimento per la parte narrativa, mentre Svetlana Malinina (Mosca) è risultata la traduttrice dell’anno per la versione in russo del racconto di Steffan.

“In questi dieci anni, il Premio Raduga ha raccolto le aspirazioni e i pensieri più profondi di quasi 5.000 giovani letterati italiani e russi - ha commentato Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia, di Banca Intesa Russia e ideatore del Premio, nel corso della cerimonia – che, con questa iniziativa gratuita dell’Associazione, hanno avuto la possibilità di approfondire le proprie conoscenze e di mettersi in gioco guardando al futuro con speranza. Dagli elaborati giudicati - ha proseguito Fallico - emerge la volontà di lottare per una società più giusta, mettendo in campo, come si evince dai racconti premiati quest’anno, l’amore per gli anziani, il rifiuto della supremazia della tecnologia sulle relazioni umane e l’attenzione per la dimensione sociale del ‘noi’ rispetto a quella effimera dell’io. Il decennale del Premio, che ci riporta per l’occasione nella città in cui è nato - ha concluso il presidente -, testimonia la necessità di favorire il libero intreccio di culture, per approfondire sempre di più i rapporti tra il nostro Paese, la Russia e l’Eurasia”.

Gli elaborati dei vincitori, scelti tra 767 candidati che si sono iscritti alla decima edizione del Premio Raduga, sono da oggi pubblicati sull’Almanacco Letterario bilingue edito da Conoscere Eurasia, che sarà distribuito in Italia e in Russia, e disponibile anche in versione elettronica sul sito dell’associazione con sede a Verona (www.conoscereeurasia.it). Nato nel 2010 per promuovere il dialogo culturale tra Italia, Russia e i Paesi dell’Unione economica Eurasiatica, il Premio Raduga è organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia e dall’Istituto Letterario A.M. Gor’kij di Mosca, in collaborazione con la Fondazione Russkij Mir, con il patrocinio dell’Agenzia Federale per la stampa e le comunicazioni di massa della Federazione Russa (Rospechat’) e con il sostegno di Gazprombank e Banca Intesa Russia.

Paolo Steffan, miglior giovane narratore italiano

Classe 1988, di Conegliano, si laurea in Filologia e letteratura italiana all’Università Ca’ Foscari di Venezia e insegna attualmente letteratura in un liceo. È autore di due monografie, una su Andrea Zanzotto (Aracne, 2012) e una su Luciano Cecchinel (Arcipelago itaca, 2016), oltre ad aver curato assieme a Giuliano Galletti il volume “Sebastiano Barozzi e la sua Cronaca del Popolo” (San Fior, 2016). Dopo numerosi riconoscimenti come poeta, pubblica la raccolta “In deserto” (Arcipelago itaca, 2018) e partecipa alla pubblicazione di “Frantumi nel XIV - Quaderno di poesia italiana Contemporanea” (Marcos y Marcos, 2019).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'ora di educazione fisica, muore studente 14enne

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Morto a scuola a 14 anni: la madre ricoverata in ospedale per un malore

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Gita a Venezia con la scuola, mezza classe non scende dal treno di ritorno

  • Incidente mortale mentre sta andando a lavoro, muore padre di due bimbe

Torna su
TrevisoToday è in caricamento