Morti sospette a Casa Fenzi, il procuratore di Treviso: «Stabilire la catena dei contagi»

Michele Dalla Costa: «Servirà pazienza per analizzare tutti i fatti, partire dalla catena che ha portato le persone morte a contrarre il virus e stabilire se vi siano in effetti degli errori o delle omissioni»

Il procuratore di Treviso Michele Dalla Costa

«Ci vorrà molto pazienza per ricostruire la catena dei contagi e risalire ad eventuali responsabilità di tipo penale».

Mentre a Treviso iniziano a moltiplicarsi le indagini sulle Rsa  il procuratore capo Michele Dalla Costa invita alla calma. Sul tavolo dei magistrati ci sono i cinque fascicoli per omicidio colposo relativi a Casa Fenzi, destinati a diventare sei con l'autopsia di Livia Morelli, 98 anni, deceduta giovedì scorso, prevista per le prossime ore. Il reato ipotizzato è quello di omicidio colposo.  La 98enne era risultata negativa al tampone e il suo quadro clinico era sempre rimasto stabile. Almeno fino a qualche giorno fa, quando ha cominciato ad accusare febbre alta causata, stando a quanto appreso, da una polmonite. Obiettivo dell’esame autoptico sarà determinare se il Covid 19 sia stato o meno una concausa del decesso dell’anziana.
«Siamo di fronte ad una pandemia mondiale - dice Dalla Costa - e a fatti che attengono un grande momento di confusione scoppiata  dentro alle residenze per anziani. Ci vorrà del tempo per analizzare tutti i fatti, partire dalla catena che ha portato le persone morte a contrarre il virus e stabilire se vi siano in effetti degli errori o delle omissioni da parte dei dirigenti della casa di riposo che possono aver facilitato la diffusione del contagio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sui Nas, che hanno sequestrato le cartelle cliniche di tutti i casi di morte sospette per Covid a Casa Fenzi dalla Costa dice che «non ci sono al momento relazioni giunte alla Procura e relative ai quei decessi. Restiamo in  attesa degli sviluppi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento