Covid in Veneto, Zaia: «La curva dei contagi salirà, dobbiamo stringere i denti»

Il Governatore del Veneto: «Più accessi al pronto soccorso, ma il 70% torna a casa. Nonostante questo usate la mascherine e lavatevi le mani perché i ricoveri aumenteranno»

Zaia oggi in conferenza stampa

Il Governatore del Veneto, Luca Zaia, sabato in diretta da Marghera (VE) ha snocciolato i numeri veneti in riferimento al Covid-19 delle ultime 24 ore. Ecco allora che sono i 3815 i nuovi positivi, con 47657 gli attualmente positivi. In isolamento domiciliare ci sono invece 17940 persone. Negli ospedali sono 1410 i ricoverato, rispetto a venerdì  si assiste ad un +109, mentre le terapie intensive sono salite a 186 (+12). I decessi per il virus nelle ultime 24 ore sono invece stati 25. Analizzando invece solo la Marca trevigiana abbiamo 15.307 casi complessivi, di cui 9921 oggi positivi (+486), 398 deceduti e 4.985 negativizzati. Per i ricoveri, poi, al Ca' Foncello di Treviso si trovano ricoverate 68 persone (14 in terapia intensiva), a Conegliano 14 (4 in t.i.), a Vittorio Veneto 68, a Castelfranco Veneto 7, a Montebelluna 67 e al San Camillo di Treviso 14.

«Oggi ci sono tanti positivi - dichiara Zaia - ma considerando il numero dei tamponi sono metà di marzo. Oggi ci sono poi metà delle terapie intensive e quasi la metà dei ricoverati e mediamente l'ospedalizzazione è più breve, in più ci sono molti più accessi al pronto soccorso ma il 70% va a casa. Inoltre, si è abbassata l'età del contagio tra i giovani: la stragrande maggioranza dei positivi sono sotto i 55 anni, mentre in terapie intensiva sono over 70. In questo momento il grado di infezione degli operatori della sanità è simile a quello di marzo, ci sono 1510 persone su 54mila dipendenti della sanità ma molte di queste infezioni sono extra-ospedaliere».

«I numeri cresceranno sempre di più nei prossimi giorni, ma noi siamo preparati - ha aggiunto il presidente del Veneto - però ora la partita ce l'abbiamo in mano noi cittadini. Dunque, portate bene la mascherina e lavatevi le mani». Infine sul lockdown light in regione: «Non è previsto per ora, mentre a giorni apriranno tutti i Covid Hospital e negli altri saranno sospese le attività ordinarie. Bisogna stringere i denti, la curva è in salita e i ricoveri aumenteranno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento