Casale sul Sile, l'assessore Bottos si dimette dopo essere guarita dal Covid

Valentina Bottos, assessore alle Politiche partecipative, ha deciso di rinunciare alla sua delega per non affaticare le sue condizioni di salute. L'incarico passa al sindaco Giuliato

Valentina Bottos (Foto tratta da Facebook)

L'emergenza Covid sta incidendo profondamente sugli aspetti sanitari, economici e sociali dei comuni italiani. Si rischia anche nell'azione amministrativa di essere totalmente fagocitati dalle continue emergenze tralasciando, gioco forza, quello che è stato costruito in anni di coinvolgimento e ascolto attivo dei cittadini. Alle porte di nuove restrizioni per scongiurare il peggio, le riflessioni di Stefano Giuliato, sindaco di Casale sul Sile, fanno il punto su un pilastro dell'azione politica dell'amministrazione di "Progetto Casale Futura": le politiche partecipative.

«Eravamo soliti organizzare delle assemblee per incontrare ed ascoltare la voce dei cittadini attraverso i laboratori di Partecipazione Civica, tutto questo ha subito un forte rallentamento tanto più che le condizioni di salute dell'assessore alle Politiche partecipative Valentina Bottos, dopo aver contratto e vinto la lotta contro il Covid-19, non le consentono di svolgere adeguatamente il suo ruolo. Valentina con grande senso di responsabilità, pur continuando a sostenere l'azione politica del gruppo e in particolare le iniziative di Partecipazione, ha quindi preferito rinunciare alla delega alle Politiche Partecipative. Ringraziando Valentina per il prezioso contributo passato e futuro, è stato deciso, vista l'importanza, di accentrare la delega nelle mani del sindaco». La giunta Giuliato, consapevole dell'impegno che la partecipazione richiede, specie in questo periodo, ha deciso di non rinunciare ad uno dei principi cardine del programma. Prova ne sia il recente caso legato all'antenna di telefonia mobile di via Baden Powell. L'iter amministrativo era ineccepibile, ma senza coinvolgimento diretto dei cittadini. La loro voce è stata convogliata all'interno del laboratorio di Via Torcelle dove sono state proposte e discusse nuove opzioni di installazione. Di fatto il Comune ha costruttivamente messo in discussione la scelta precedente, identificando con i cittadini un nuovo luogo che potesse soddisfare sia le esigenze dei cittadini sia quelle dell'operatore di telefonia mobile. Sono ora in corso gli adempimenti tecnico amministrativi per lo spostamento dell'antenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento