Discarica sotto l'ospedale Ca' Foncello: stop ai lavori per tre mesi

La scoperta durante gli scavi per le fondazioni della nuova Cittadella. Dopo l'approvazione del progetto strutturale si potranno edificare i muri del monoblocco ma lo stop fa discutere

Il cantiere della Cittadella della salute è rimasto fermo tre mesi dopo la scoperta di una discarica di rifiuti sotto l'ospedale Ca' Foncello. Il ritrovamento è avvenuto durante gli scavi per le fondazioni del cosidetto "monoblocco" e hanno creato non pochi problemi all'avanzamento dei lavori che sono stati sospesi per poter rimuovere e smaltire i rifiuti presenti nel sottosuolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", i rifiuti rinvenuti dagli operai si trovavano a tre metri di profondità rispetto al livello del terreno, vicinissimi all'area dove sorge l'ospedale trevigiano. Nella zona del cantiere si è dovuto procedere con una bonifica dell'area nonostante i rifiuti non siano stati classificati come nocivi per la salute. Dopo essere stati riportati in superficie gli scarti sono stati avviati al centro di smaltimento ma le operazioni per la bonifica e messa in sicurezza dell'area hanno richiesto ben tre mesi di stop. La consegna dei lavori resta comunque immutata nonostante questo inaspettato contrattempo: il cantiere dovrebbe concludersi per la fine del 2020. Il progetto strutturale è già stato approvato, mentre quello esecutivo sugli interni della futura cittadella sanitaria, è ancora in attesa di approvazione. Ora che l'area è bonificata però, la costruzione dei muri esterni del "monoblocco" potrà partire. La direzione dell'Ulss2 ne è convinta: sarà un'estate di lavori a pieno regime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento