Disturbi cognitivi e demenze, la cura avviene anche con le visite al musuo

Visita al Bailo per i pazienti dell'Ulss 2 partecipanti al progetto di stimolazione cognitiva attraverso l’arte

Un momento della visita

La maggior parte dei programmi di sanità pubblica ha sede nelle scuole, nei luoghi di lavoro e nelle comunità. Allo stesso modo, quasi tutti gli interventi sanitari si svolgono all’interno di ospedali e delle aziende sanitarie. Un'area fino ad ora poco utilizzata per la promozione della salute è il settore del patrimonio culturale, in particolare i musei. Una serie di evidenze in letteratura, sempre più consolidate, attribuisce alla fruizione dell'arte effetti benefici sulla memoria, sul benessere psicologico e nel contrastare lo stress e la depressione.

La fruizione dell’arte attiverebbe infatti, oltre a singole aree come la corteccia orbito frontale, intere reti cerebrali con effetti benefici multipli e variegati. Con queste premesse, da diversi mesi, il Centro per i Disturbi Cognitivi e le Demenze (CDCD) dell’Azienda Ulss 2 Marca trevigiana sta utilizzando le immagini di alcuni dei quadri più significativi esposti al Museo Bailo quali strumenti di stimolazione cognitiva nei confronti di persone con deficit cognitivi. I pazienti partecipano agli incontri in piccoli gruppi, insieme ai rispettivi familiari. La visione dell’immagine pittorica è utilizzata per suscitare nel paziente ricordi, emozioni, giudizi estetici e confronti reciproci.

Seguendo inoltre l’esempio del MoMA Alzheimer's Project, un'iniziativa del noto museo di New York che si è svolta dal 2007 al 2014 per rendere l'arte accessibile alle persone affette da demenza usando metodologie interattive e un approccio didattico, ieri (giovedì 9 luglio) in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sui Beni Culturali del Comune di Treviso, si è svolta la prima visita dei pazienti con deficit cognitivi al Museo Bailo, accompagnati dal dott. Maurizio Gallucci, direttore del Centro per i Disturbi Cognitivi e le Demenze (CDCD) dell’ULSS 2 Marca trevigiana, dalla dott.ssa Cristina Bergamelli, psicologa, e accolti al Museo dall’Assessore per le Politiche sui Beni Culturali, dott.ssa Lavinia Colonna Preti. I pazienti hanno potuto così ammirare direttamente le opere pittoriche già conosciute in fotografia negli incontri di stimolazione cognitiva e magistralmente illustrate, sul posto, dalla dott.ssa Maria Elisabetta Gerhardinger, conservatrice dei Musei Civici di Treviso.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

interno-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento