menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divieto di caccia prorogato fino a febbraio nelle aree colpite dal maltempo

Importante decisione presa dalla Regione sulle attività venatorie nei luoghi colpiti dal maltempo di fine ottobre. I cacciatori non potranno sparare fino al 10 febbraio 2019

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, con proprio decreto, ha vietato la caccia sino al 10 febbraio, termine della stagione venatoria, nelle aree del Bellunese, del Vicentino e del Trevigiano ancora interessate da rimozione di schianti boschivi, frane o cantieri di ripristino dei danni causati dell’uragano di fine ottobre.

Il provvedimento, volto ad assicurare l’incolumità pubblica e a non creare intralcio alle operazioni di pulizia del bosco e di ripristino idrogeologico e infrastrutturale, vieta l’attività venatoria sino a 500 metri dalle aree boschive interessate da schianti totali o parziali, alle aree interessate da eventi franosi e alle aree operative di intervento. Le aree interdette all’attività venatoria sono evidenziate dalla cartografia pubblicata nel portale regionale https://www.piave.veneto.it. La provincia di Belluno e i Comuni interessati, dal canto loro, potranno proporre ulteriori restrizioni all'attività di caccia, al fine di prevenire possibili pericoli o intralci alle attività in corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento