Donatore Avis versa 5mila euro per aiutare gli studenti universitari

Succede a Resana dove il Comune ha promosso il bando “Resana Solidale” che prevede contributi agli universitari al fine di favorire la crescita culturale dei giovani

Il sindaco di Resana, Stefano Bosa

Una donazione di cinquemila euro da parte di un avisino e un bando per cinque borse di studio dal valore di mille euro ciascuna. La bella storia di solidarietà arriva dal Comune di Resana, dove Avis, Pro loco, Protezione civile e Comune si sono messe assieme per promuovere il bando di “Resana Solidale” che prevede contributi agli universitari al fine di favorire la crescita culturale dei giovani meritevoli ma con minori mezzi economici, con particolare riguardo per quegli studi capaci di far crescere l’economia minimizzando l’impatto ambientale.

«L’avis è l’associazione che più promuove il dono – ha detto il sindaco Stefano Bosa nel presentare il bando delle borse di studio – questa volta la donazione non è di sangue ma di denaro per i giovani che grazie a questo contributo potranno continuare nel loro percorso di studi nonostante il momento di difficoltà economica che sta colpendo molte famiglie. Grazie alle associazioni che hanno promosso “Resana Solidale” e grazie soprattutto all’anonimo benefattore che ha pensato ai ragazzi del nostro Comune, ragazzi che frequentano l’università e che potranno continuare il loro percorso di studi».

Il bando e il modulo di domanda di partecipazione sono scaricabili dal sito internet. www.comune.resana.tv.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento