Madre di quattro figli dona il midollo e salva una vita

La prima donna dell’Admo trevigiana lancia un appello. Giulia vive a Casier: «è stato un grande privilegio»

Roberta Bozzetto e Giulia De March

Si chiama Giulia De March, è una giovane mamma di quattro figli di Casier, provincia di Treviso, è la prima donatrice dell’ADMO trevigiana ad aver salvato la vita ad una persona grazie alla donazione delle cellule staminali del midollo osseo. «Un’esperienza toccante, poter salvare una vita è un privilegio ed un onore» continua Giulia «Grazie a Roberta Bozzetto, referente del gruppo operativo di ADMO Mareno di Piave e coordinatrice a livello provinciale, mi sono iscritta nell’ottobre 2018 con un prelievo del campione del mio sangue presso il centro trasfusionale dell’ospedale di Treviso, dopo non molti mesi mi hanno comunicato che c’era la possibilità di una mia compatibilità con il DNA di un ammalato bisognoso di un trapianto di cellule staminali, dopo alcune analisi dettagliate, a maggio 2019, nel Centro Trapianti dell’ospedale Borgo Roma di Verona ho effettuato la donazione di midollo mediante aferesi. Ho donato il midollo ad un’altra donna italiana regalandole così una nuova speranza di vita»

La compatibilità tra donatore e ricevente è una persona su centomila, straordinaria la coincidenza che, in ambito mondiale, la sua compatibilità al 100% sia risultata proprio con un’altra donna, come lei italiana. Un’esperienza che ha cambiato la vita a due persone sconosciute, ma legate da un filo invisibile. Anche se per legge sulla privacy non è possibile conoscere il ricevente e viceversa, il gesto della donazione rimane comunque un atto di grande valore.

ADMO Mareno di Piave è l’unico gruppo ADMO attivo a livello provinciale ed è presente in tutta la provincia di Treviso con un folto gruppo di volontari, collabora quotidianamente con tutti i Centri Trasfusionali dell’azienda sanitaria ULSS2 dove avviene il primo passo per la tipizzazione e l’iscrizione dei donatori al Registro IBMDR. A questo registro italiano dei donatori di midollo osseo si possono iscrivere tutti i giovani in età compresa tra i 18 e i 35 anni, con peso superiore a 50 kg e che godono di buona salute. Ci si iscrive gratuitamente tramite un prelievo di sangue e un colloquio con un medico. I dati genetici vengono conservati fino al compimento di 55 anni di età dell’iscritto. In caso di presunta compatibilità con un paziente, verrà personalmente contattato da un medico per approfondire l’idoneità e se risulta la persona su centomila compatibile viene guidata durante tutto l’iter per la donazione delle cellule staminali tramite il midollo. Il gruppo ADMO Mareno di Piave può essere contattato per qualsiasi informazione al numero di telefono 3394362371 email: admotreviso@admo.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento