rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità Asolo

Donne tra ragione e passione: ad Asolo discriminazione di genere ed etica della cura

Nella terra di Caterina Cornaro, Eleonora Duse e Freya Stark in programma un'interessante conferenza in collaborazione tra il Museo Civico e “La chiave di Sophia”

La discriminazione di genere e i conseguenti episodi di violenza sono fenomeni che arrivano da un tempo lontano ma sono ancora radicati nel nostro presente. Ad Asolo avrà luogo la conferenza dal titolo “Tra ragione e passione. L’etica della cura per le donne di ieri e di oggi”, organizzato per sabato 19 gennaio dalla realtà trevigiana “La chiave di Sophia” con la collaborazione del Museo Civico di Asolo. Si prospetta un pomeriggio molto ricco, anticipato dalla visita guidata gratuita alle ore 17 alle sale del Museo Civico dedicate alle tre illustri donne che hanno incrociato le loro vite con il borgo trevigiano: la regina di Cipro Caterina Cornaro, l’attrice “Divina” Eleonora Duse e la viaggiatrice inglese Freya Stark (pagando il biglietto di ingresso del Museo, 5€ intero 4€ ridotto); alle 18 si proseguirà in Sala della Ragione con la conferenza, che intende ripercorrere la storia delle discriminazioni in base al genere per giungere al Novecento, secolo in cui la filosofia, in particolare grazie all’etica della cura, tenta un loro superamento.

«Mi ha sempre colpita come ad Asolo si parli con affetto di queste tre grandi donne che vi hanno vissuto – spiega Giorgia Favero, caporedattrice della rivista “La Chiave di Sophia” e operatrice del Museo Civico – Ho pensato potesse essere il luogo ideale dove affrontare un tema fondamentale come quello delle discriminazioni di genere, che nonostante sia millenario insiste ancora oggi sulla nostra società. Anche in questo caso la filosofia può costituire un mezzo di riflessione utile per il nostro vivere quotidiano, sia come uomini che come donne».

Su questo tema interverranno dunque la dott.ssa Pamela Boldrin, dipendente presso ULSS 6 Euganea di Padova e docente a contratto di bioetica ai corsi triennali di Tecniche di laboratorio biomedico e Scienze infermieristiche della Facoltà di Medicina all’Università di Padova, e la dott.ssa Sara Roggi, dottoranda di ricerca in bioetica ed etica clinica presso l'Università degli Studi dell'Insubria (Varese), in cotutela con l'Université Paris Descartes; entrambe sono anche autrici della rivista “La chiave di Sophia”. All’incontro prenderà inoltre parte la dott.ssa Luisa Casagrande del “Centro Antiviolenza Stella Antares” di Montebelluna, facente parte della cooperativa “Una casa per l’uomo”: la dott.ssa ci racconterà la sua esperienza sul territorio, offrendo una visione concreta e tangibile di quello che succede nella realtà quotidiana. La conferenza è ad ingresso libero con offerta responsabile e si concluderà con un aperitivo offerto grazie al prezioso supporto e alla generosità dalla cantina Elis Vini di Segusino e dai fratelli Reginato, gestori del centralissimo Caffè Commercio di Asolo, che hanno sposato l’iniziativa.

Per informazioni: info@museoasolo.it
La visita guidata è a prenotazione obbligatoria scrivendo a info@museoasolo.it o chiamando il 347 5735246. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne tra ragione e passione: ad Asolo discriminazione di genere ed etica della cura

TrevisoToday è in caricamento