rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Attualità

Nuovo Dpcm, Donazzan: «Governo non all'altezza degli italiani»

Imprenditori, lavoratori e studenti non sanno ancora se domani il Veneto sarà in zona gialla o arancione. L'assessore regionale all'istruzione: «Ennesimo cortocircuito istituzionale»

«Circola ormai da ore il testo definitivo dell'ultimo Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte. Alle ore 18 di mercoledì pomeriggio, però, non ci è dato sapere quali territori saranno ricompresi nella zona gialla, arancione e rossa». 

Con queste parole l’assessore regionale al Lavoro e all'Istruzione del Veneto, Elena Donazzan, ha commentato la grande situazione di incertezza che tutta Italia sta vivendo dopo l'approvazione del nuovo Dpcm da parte del Governo: «Una valutazione che, come sottolineato anche dal presidente Luca Zaia nel corso della sua conferenza stampa odierna, poteva e doveva essere fatta a monte. Girano ora sul web tabelle e cartine colorate: al contempo però i titolari delle attività non sanno se domani potranno riaprire o meno, i lavoratori se dovranno restare a casa, i genitori e gli studenti se potranno o meno andare a scuola - continua Donazzan, che conclude - siamo di fronte a questo ennesimo cortocircuito istituzionale, causato da un governo incapace e certamente non all'altezza dell'Italia e degli italiani».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo Dpcm, Donazzan: «Governo non all'altezza degli italiani»

TrevisoToday è in caricamento