"Droga dello stupro" e anabolizzanti, giudizio immediato per gli spacciatori

Nicolò Burighel, 35 anni di Treviso, e Mauro Chemello, 40enne di Romano d'Ezzellino, verso il processo. I tossicologici hanno detto chiaramente che la soluzione ritrovata era una variante chimica del Ghl, utilizzata per la produzione di farmaci dopanti

Giudizio immediato per i due spacciatori della "droga dello stupro"

ll Gbl, l'ecstasy liquida conosciuto come "droga dello stupro", non era liquido per le stampanti. E per Nicolò Burighel, 35 anni di Treviso, e Mauro Chemello, 40enne di Romano d'Ezzellino, si va al giudizio immediato. Sono stati gli esami tossicologici a inchiodare i due, test che hanno detto chiaramente che la soluzione ritrovata era una variante chimica del Ghl, utilizzata per la produzione di farmaci dopanti e non «liquido per pulire macchine per la stampa che commercializzo», come dichiarato da Burighel al gip Bruno Casciarri. Il 35 enne e il 40enne sono accusati della detenzione e spaccio di altre sostanze psicoattive, metanfetamine, ecstasy, ketamina, eroina, morfina, e per la ricettazione di altri dopanti, tra cui una sintesi del testosterone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le manette ai polsi di Burighel e Chemello erano scattate nell’ambito di un controllo mirato. Il 35enne era stato fermato mentre si trovava alla guida della sua Mercedes. Nel portabagagli gli agenti della squadra mobile di Treviso avevano trovato dei flaconi contenenti il “gbl”, un liquido inodore e incolore. A quel punto è scattata la perquisizione nella casa che Burighel condivide con Chemello, disoccupato e con un passato da body builder. All’interno dell’appartamento sono stati rinvenuti anabolizzanti e sostanze potenzialmente dopanti che i due, nelle ipotesi degli inquirenti, avrebbero smerciato probabilmente sfruttando i loro contatti con persone che frequentano gli ambienti degli appassionati di pesistica. Tra queste anche dosi di ketamina e morfina, alcuni integratori alimentari e un bilancino che sarebbe servito, secondo gli investigatori, per confezionare le dosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento