rotate-mobile
Attualità Montebelluna

EcoCentro di San Gaetano, approvato il progetto di videosorveglianza

Si tratta di un progetto redatto da Contarina del valore di circa 10mila euro. Prevista l’installazione di quattro videocamere collegate con i pali dell’illuminazione, nessun onere risulterà a carico del Comune per la gestione degli impianti

Un progetto per migliorare la sicurezza ed il controllo all’EcoCentro, il Centro attrezzato per la raccolta differenziata, di San Gaetano è stato approvato in questi giorni dalla giunta comunale di Montebelluna. Si tratta di un progetto redatto da Contarina nell’ambito del contratto di adesione all’esercizio associato dei servizi informativi per la pianificazione, cura e controllo del territorio. Tale contratto, sottoscritto a fine 2019 da Comune, Consiglio di Bacino Priula e Contarina, comprende infatti anche la progettazione, la realizzazione, la messa in servizio e la gestione degli impianti di videosorveglianza.

I commenti

Precisa il vicesindaco e assessore all’ambiente, Claudio Borgia: «Il progetto di videosorveglianza del valore di 10mila euro circa è stato promosso e poi approvato dal Comune al fine di partecipare al bando regionale che prevede l’erogazione di un contributo che andrebbe a coprire la metà del costo complessivo. La restante parte sarebbe invece finanziata da Contarina, qualora il Comune risultasse beneficiario del contributo, cosa che ci auguriamo. E’ prevista l’installazione quindi di 4 videocamere collegate con i pali dell’illuminazione e nessun onere risulterà a carico del Comune per la gestione degli impianti».

Spiega il sindaco, Adalberto Bordin: «Continua, attraverso l’apposito Ufficio istituto ad inizio mandato, la nostra incessante ricerca di bandi e finanziamenti utili a migliorare la nostra città in quanto le contingenze attuali impongono agli enti locali di affidarsi ai contributi esterni per poter portare a termine opere e progetti. In questo caso il tema è la sicurezza e l’ambiente. L'idea di implementare il sistema di videosorveglianza nasce dalla necessità di prevenire il deposito incontrollato di rifiuti ma anche di individuare i responsabili di accessi non autorizzati o di sottrazioni di materiale così come quella di poter controllare i gradi di riempimento del materiale depositato all’EcoCentro e di verificare i flussi degli accessi all’ecocentro per gestire dinamiche di congestione del traffico causato dalle attese. E’ un progetto utile, messo a punto da Contarina, e che speriamo possa ottenere il contributo regionale necessario per la sua realizzazione».

«Il progetto approvato dalla giunta di Montebelluna - conclude il presidente del Consiglio di Bacino Priula, Giuliano Pavanetto - è un ulteriore esempio di come l’adesione alla Convenzione per la gestione associata dei servizi consenta di raggiungere più facilmente e rapidamente importanti obiettivi per la tutela del territorio; questo sistema permette infatti di mettere in campo sinergie vincenti tra Consiglio di Bacino Priula, Comuni e Contarina, con conseguenti ricadute positive per le nostre comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

EcoCentro di San Gaetano, approvato il progetto di videosorveglianza

TrevisoToday è in caricamento