Edera Film Festival 2019: premiate la sperimentazione, la sensibilità e l’emozione

Treviso centro propulsore del cinema emergente. “Un giorno all’improvviso” di Ciro d’Emilio vince il Premio per il Miglior Lungometraggio

Si è chiusa sabato la quattro giorni di cinema emergente della Treviso d’autore: un viaggio intenso ed entusiasmante nella produzione cinematografica indipendente, che dal 31 luglio al 3 agosto ha trasformato la città in una piattaforma di sinergie fra attori del territorio locale e protagonisti della scena creativa internazionale. Confermando il trend già molto positivo registrato alla prima edizione, la grande affluenza di pubblico in sala e agli appuntamenti collaterali ha fatto da testimone al trionfo assoluto del talento internazionale under 35. Vincitori delle tre sezioni ufficiali del concorso sono i film:

  • “Happy Together” di Marie De Hert ed Ellen Pollard (Belgio, 2017) - Premio per il Miglior Cortometraggio, per la capacità di rappresentare con grande sensibilità tematiche delicate quali la solitudine e la paura dello straniero, offrendo un quadro d’insieme che emoziona e fa riflettere sull’inutilità del pregiudizio;
  • “Le Ciel, la Terre et l’Homme” di Caroline Reucker (Germania, 2018) - Premio per il Miglior Documentario, per l’abilità dimostrata dalla regista nel costruire un’opera equilibrata e completa, in cui l’osservazione partecipata di matrice antropologica si mescola a momenti poetici e rarefatti;
  •  “Un giorno all’improvviso” di Ciro d’Emilio (Italia, 2018) - Premio per il Miglior Lungometraggio, per la sensibilità e la delicatezza con cui tratta tematiche sociali e psicologiche particolarmente complesse ed attuali.

Accanto ai vincitori, le Giurie Tecniche del festival hanno voluto riconoscere l’originalità, la sensibilità e la delicatezza degli sguardi degli autori in concorso sulle questioni intime e collettive che contraddistinguono la contemporaneità individuando tre menzioni speciali: “Inanimate” di Lucia Bulgheroni (Regno Unito, 2018) - Menzione Speciale Sezione Cortometraggi; “Synti, Synti (l’île écorchée)” di Marion Jhöaner (Francia, 2018) - Menzione Speciale Sezione Documentari; “The Pigeons Thieves” di Osman Nail Doğan (Turchia, 2018) - Menzione Speciale Sezione Lungometraggi.

Al film “Copper Mountains” della regista tedesco-finlandese Carolin Koss va, invece, il Premio Speciale Donne Si Fa Storia, assegnato dalla Giuria composta da Cristina Greggio, Emanuela Zilio e Eric Rittatore e presieduta dell’ospite internazionale d’eccezione Michel Ocelot. Il Premio sarà consegnato alla regista in un apposito evento organizzato nel corso della 76^ Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, nello Spazio Regione del Veneto, sabato 31 agosto 2019.

Il nuovo Premio della Direzione Artistica è stato assegnato dai Direttori Artistici Gloria Aura Bortolini, Giuseppe Borrone e Sandro Fantoni al film statunitense “The French Teacher” di Stefania Vasconcellos, premiato per la capacità dell’opera di ritrarre il tema del conflitto generazionale con grande sensibilità e competenza, attraverso una fine dialettica fra linguaggi e idiomi diversi. Da lodare, inoltre, la capacità di introspezione psicologica, enfatizzata dai dialoghi serrati e dalla solida padronanza del mezzo espressivo, che ha interessato il personaggio complesso e sfaccettato di una donna matura ideato da una giovane autrice.

Alla regista vincitrice del Premio della Direzione Artistica è dedicata un’opera tessile realizzata dall’artista trevigiana Patrizia Polese, in collaborazione con Tessitura La Colombina, a testimonianza della volontà del festival di valorizzare a tutto tondo il potenziale artistico del territorio in cui il festival si radica, mettendolo in dialogo con il fermento creativo dei giovani cineasti internazionali in concorso. Infine, i Premi della Giuria Popolare: il Miglior Lungometraggio è assegnato a “Bad Bad Winter” di Olga Korotko (Kazakhstan, Francia, 2018), quello per il Miglior Documentario a “Vostok N° 20” di Elisabeth Silveiro (Russia, 2018) e quello per il Miglior Cortometraggio a “Gli Arcidiavoli” di Lorenzo Pullega (Italia, 2018).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

67676133_327326681313604_6642991157552873472_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento