Electrolux/Professional, al via il negoziato per il rinnovo del Contratto integrativo

Venerdì 16 ottobre la ripresa delle trattative sulle richieste presentate a dicembre 2019 nella piattaforma per il rinnovo del contratto integrativo aziendale

Lo stabilimento Electrolux di Susegana

Electrolux, Electrolux Professional e il coordinamento sindacale dei due gruppi, hanno avviato venerdì 16 ottobre il confronto sulle richieste presentate a dicembre 2019 nella piattaforma per il rinnovo del Contratto integrativo aziendale, confronto interrotto per le difficoltà attraversate negli stabilimenti del gruppo a causa del Covid-19.

Nell’incontro di venerdì la direzione aziendale ha rappresentato la propria posizione su tutte le richieste contenute in piattaforma dando disponibilità ad affrontare le nostre richieste e dichiarando la volontà di rinnovare un accordo aziendale dopo molti anni. Nel prossimo incontro, fissato per il 4 novembre 2020, l’azienda entrerà nel merito delle nostre richieste su salario e orario di lavoro; nell’incontro di oggi ha dato disponibilità su tutti gli altri temi che si dovranno concretizzare nel prosieguo del confronto.

I temi affrontati

Part-time: l'azienda ha ribadito che i numeri sono superiori a quanto previsto dal Ccnl; nel gruppo si è raggiunta una percentuale di part-time pari all'8% complessivo, di cui il 10% tra gli operai/e e il 3% tra gli impiegati/e.
Ferie e par solidali: c’è disponibilità a recepire nell’accordo di gruppo gli accordi già raggiunti a Susegana, Solaro e Porcia.
Migranti: possibilità di cumulo tra ferie e Par: l’azienda conferma la prassi aziendale in essere, sperimentata con successo negli anni, ed è disponibile a formalizzarla nell’accordo aziendale.
Smart working: l’azienda è disponibile a recepire nell’accordo la politica e le condizioni in essere negli stabilimenti italiani del gruppo che prevedono la volontarietà del lavoratore interessato nell’accesso allo smart working e una serie di regole e diritti già definiti e che ora il coordinamento dovrà discutere. Inquadramento professionale: su questo tema l'azienda conferma la scelta di applicare il Ccnl e rinvia al tavolo del rinnovo contrattuale.
Salario, premio di risultato: l'azienda ritiene oneroso l'aumento richiesto (1.300 euro) ma ha dichiarato che è disponibile a discutere la ridefinizione degli obiettivi e l’aumento della parte variabile del salario, che ci espliciterà con una proposta nel prossimo incontro. Gli obiettivi proposti a cui correlare le erogazioni economiche sono cinque: redditività, efficienza, qualità, tempestività servizio, certificazione di stabilimento.
Consolidamento/anticipi mensili: l'azienda non ha dato disponibilità a consolidare quote di salario variabile e ha segnalato una criticità sugli anticipi rispetto alla detassazione prevista dalla legge.
Maggiorazioni: l’azienda non è disponibile ad un aumento delle maggiorazioni, mentre sulla reperibilità è disponibile a recepire nell’accordo di gruppo sia l’intesa recentemente raggiunta per i lavoratori della IT a Porcia che quella sulle trasferte raggiunta a Solaro, mentre sui trasferimenti e le relative indennità da riconoscere agli stessi, c'è la disponibilità a discuterne qualora si renda necessario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’avvio del negoziato alla Electrolux, dopo molti anni, è un risultato importante per tutte le lavoratrici e i lavoratori. Le risposte date oggi dall’azienda su alcuni temi sono un primo avanzamento e valutiamo positivamente l'apertura del negoziato ma non condividiamo la posizione aziendale di escluderne altri, a partire dall’inquadramento. Il confronto in tempi brevi deve proseguire sulle richieste contenute nella piattaforma, in particolare sul punto centrale del salario dopo tanti anni di sacrifici nei quali non è stato possibile affrontare il tema della redistribuzione» hanno dichiarato a margine dell'incontro Michela Spera e Alberto Larghi coordinatori sindacali del Gruppo per la Fiom-Cgil nazionale. Al termine della trattativa odierna sono stati fissati due ulteriori incontri per il 4 e il 17 novembre prossimi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento